Canarie al limite del “suicidio demografico”

0
541
CULLE VUOTE

Canarie fra le tre autonomie che si trovano al limite del “suicidio demografico”

Tutte le comunità autonome tranne la Murcia sono sulla strada del “suicidio demografico”: in 11 su 17 muoiono più persone di quante ne nascano, la media della prima maternità è a 31 anni e in metà non si arriva a 1,3 figli per donna.

Secondo la relazione “Evoluzione delle famiglie nelle Comunità Autonome 2019” Asturie, Canarie e Cantabria sono agli ultimi posti negli indicatori demografici di natalità, nuzialità e auto alla famiglia, mentre i migliori risultati si riscontrano in Navarra, Murcia e Paesi Baschi. Per quanto riguarda la natalità si trovano in situazione critica – 1 figlio per donna – le Asturie (1,03), le Canarie (1,05) e Castiglia-Léon (1,14); l’età media della maternità è sempre più alta, in tutte le CCAA supera i 31 anni ed è maggiore nei Paesi Baschi, Galizia e Madrid, dove supera i 32,6 anni.

La relazione sottolinea l’aumento dei figli nati fuori dal matrimonio, che è superiore nelle Canarie dove 2 figli su 3 nascono da coppie non sposate, e quantifica in 2,2 milioni i numero di aborti registrati dal 1980. Tutte le comunità ad eccezione della Regione della Murcia sono vecchie, contano più anziani che giovani; 11 hanno una crescita negativa con Galizia e Castiglia-Léon di gran lunga nella situazione peggiore, con una persona su quattro maggiore di 65 anni.

La relazione segnala anche una diminuzione delle unioni matrimoniali: Castiglia-Léon, Aragona ed Estremadura sono le comunità in cui ci si sposa di meno in rapporto alla popolazione ed è in aumento l’età media delle unioni che supera i 35 anni (alle Canarie è addirittura di 38,4 anni). I matrimoni civili superano quelli religiosi, soprattutto in Catalogna, Baleari e Paesi Baschi dove 7 coppie su 8 si sposano solo con rito civile.

Le separazioni sono ovunque almeno cinque su dieci, in Andalusia, Catalogna, Madrid e Valencia due su tre (63%). Per il presidente dell’Istituto per le Politiche Famigliari Eduardo Hertfelder “il deficit di aiuti alle famiglie sta provocando il peggioramento degli indicatori di demografia, natalità e nuzialità”: la maggioranza delle CCAA non forniscono aiuti diretti (Baleari) o li legano al reddito famigliare (Andalusia, Aragona, Asturie, Canarie, Cantabria, Castiglia-La Mancha, Castiglia Léon, Catalogna, Navarra e Valencia), mentre i soli Paesi Baschi si distinguono per una maggior deduzione fiscale IRPF per ogni figlio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

79 − = 69