Canarie: riconosciute come regione ultraperiferica per Diritto Primario

0
691

Canarie: riconosciute come regione ultraperiferica per Diritto Primario La geografia segna il carattere di una regione e le Canarie sono da sempre un arcipelago.

In pieno Oceano Atlantico, vicino al Mediterraneo. Studiate dagli esperti nel mondo classico, come anche dagli storici. Soprattutto nell’epoca di Romani e Fenici e poi a partire da Cristoforo Colombo, che definì chiaramente la situazione geostrategica delle Isole Fortunate, tappa obbligata verso le Americhe a partire dal XV secolo.

Dal 1986, quando la Spagna entra nell’Unione Europea, le Canarie ricevono un trattamento speciale, stabilito nei diversi trattati europei, soprattutto nel 1999, quando viene incorporato l’articolo 299.2 nel Trattato di Amsterdam.

Viene riconosciuto lo stato di Regione Ultraperiferica per Diritto Primario e si consolida una base giuridica che consentirà un trattamento speciale a favore dell’arcipelago. I recenti movimenti politici del governo spagnolo, come del governo autonomo delle Baleari, dell’isola di Corsica e Sardegna, tutte situate nel Mediterraneo, ci ricordano il concetto di geografia insulare, il concetto di uguaglianza e coesione, come anche quello di periferia ed estrema periferia.

Per questo sono da comprendere certi interventi nelle sedi parlamentari, che, tenendo conto della situazione ultraperiferica di alcune regioni, si impegnano per ottenere maggiori benefici, di fronte al pericolo di venire troppo spesso “dimenticati”.

La stessa situazione, le stesse problematiche si ripresentano anche per le regioni portoghesi delle Azzorre e Madeira, di quelle francesi di oltremare come Guadalupe Martinica, Guyana, San Martin, La Reunión e Mayotte.

La redazione

© vivilecanariemagazine.com

(foto: wikipedia.org)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

5 + 2 =