Il “Laboratorio della Memoria” per gli Italiani a Tenerife affronta gli Anni Settanta

0

Il “Laboratorio della Memoria” per gli Italiani a Tenerife affronta gli Anni Settanta

Il 2020 ci trova tutti ai nostri posti e dove ormai ci piace essere: seduti intorno a un tavolo, insieme, nell’aria il profumo della cena, gli occhi fissi su uno schermo per seguire un filmato raro, a sorridere di una vecchia canzone (bellissima ancora oggi o terribilmente superata, quando non esilarante…) e poi tutti attenti alle parole di testimonianza di chi tra noi, attraverso le immagini o la musica, ha messo a fuoco nella memoria qualcosa di interessante che diventa tema di approfondimento.

Da questo mese di gennaio 2020 il “gruppo pilota” del Laboratorio affronterà, dopo aver ben approfondito gli Anni Sessanta, i mitici Anni Settanta!
A questo punto del nostro percorso insieme, ciascun componente del Laboratorio sta già scrivendo una sua storia la cui trama dovrà dipanarsi tra il 1957 (anno che segnò l’inizio del “boom economico”) e la fine degli Anni Settanta, quando equilibri provvisori cominciarono a dare forti segnali di un cambiamento che stava trasformando gli Italiani, in gran velocità, da semplici cittadini a consumatori.

I racconti che stanno prendendo forma hanno inizialmente come protagonisti bambini o adolescenti che crescono tra adulti in bilico tra la tradizione e la modernità, tra proibizioni non comprese e contestate dai figli, e nuove concessioni dovute al mutare – non indolore e senza difficoltà – della famiglia tradizionale, in contesti sociali e regioni d’Italia molto diverse tra loro. Le donne al lavoro sono sempre più numerose, i salari dei soli padri cominciano a non bastare anche grazie ad un sistema di vita sempre più sofisticato e dispendioso.

A racconti ultimati, grazie ad un “io narrante” esterno comune a tutte le storie e all’editing – che sarà mio compito, per rendere omogenea la narrazione di questo audace esperimento di romanzo corale – abbiamo la percezione che lo spaccato sociale di un’Italia da scoprire o da ricordare risulterà interessante e piacevole da leggere per tutti gli Italiani a Tenerife.

È con questa speranza, a mio avviso molto ben riposta, che il gruppo del Laboratorio procede senza mai un cedimento d’interesse.
Una cosa, in qualità di coordinatrice del gruppo, mi preme sottolineare ora che il secondo gruppo del “Laboratorio della memoria collettiva per gli Italiani a Tenerife” si va formando: coloro che pensano che per far parte del Laboratorio sia necessario essere colti o possedere specifiche competente storiche o “letterarie”, si sbaglia e di molto.

Il gruppo è, a livello di formazione scolastica, fortemente eterogeneo, ma nessuno ha mai motivo di sentirsi in difetto, perché è la memoria il patrimonio di questi incontri. Gli ultimi due, ad esempio, hanno ruotato intorno alla testimonianza di Giannarmando Panzettini, mio padre. Quasi ottantottenne, come prevedevo ha stupito tutti non solo per la lucidità della sua esposizione – cosa che ha suscitato stupore e ammirazione – ma per come ha ritratto il lavoro in una cittadina di provincia in fortissima crescita e che offriva manodopera agli immigrati poiché vantava (e vanta tuttora) la produzione di tessuti per sartoria da uomo pregiatissimi. Si tratta di Biella e del suo Made in Italy noto in tutto il mondo con marchi quali Cerruti, Loro Piana, Ermenegildo Zegna e Piacenza tra gli altri.

Ciò che abbiamo in comune al Laboratorio, dunque, sono i ricordi e la curiosità. La stessa preoccupazione di “non saper scrivere una storia“ deve essere abbandonata, perché coloro che non se la sentono non hanno alcun obbligo e saranno invece lettori critici e collaborativi delle storie altrui. Si tratta di un lavoro di gruppo dal quale nessuno è mai escluso e non ci interessano gli errori: ci interessate voi e il vostro sguardo su quel ventennio lontano e indimenticabile.

Per far parte del secondo gruppo del Laboratorio, scrivete a: cinziatenerife@hotmail.com

A presto!

Cinzia Panzettini

Foto. nuovocinemapalazzo.it
Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

+ 45 = 54