Collegamenti aerei con Tenerife. Tenerife ha recuperato oltre il 50% dei posti aerei persi

0
7836

Collegamenti aerei con Tenerife. Tenerife ha recuperato oltre il 50% dei posti aerei persi

I collegamenti aerei con Tenerife dal continente europeo sono aumentati di 307.678 posti negli ultimi due mesi, il che significa che tra il 50% e il 60% dei posti sono stati recuperati perso dal fallimento dell’annuncio di Thomas Cook e Ryanair di eliminare le loro basi nelle Isole Canarie.

Il presidente del Cabildo de Tenerife, Pedro Martín, e il ministro del Turismo di Tenerife, Gregorio Martín, hanno annunciato in una conferenza stampa di essere in trattative con varie compagnie aeree e che uno di queste potrebbe stabilire una delle sue basi sull’isola.

Pedro Martín ha spiegato che a gennaio Ryanair ha annunciato la chiusura delle sue basi nelle Isole Canarie e quando è avvenuta la bancarotta di Thomas Cook, il Cabildo di Tenerife ha avviato un piano d’azione in coordinamento con il resto delle amministrazioni delle Canarie e il governo centrale, che sta dando i suoi frutti.

Il governo spagnolo ha lanciato tredici misure, tra cui sconti sulle tasse aeroportuali, sostegno alle aziende e ai lavoratori del settore e quindici milioni di euro in promozione, ha affermato Martin.

Ma il Cabildo di Tenerife “non ha aspettato” che altri agissero, ma dal mese di agosto ha iniziato a lavorare per risolvere la crisi di connettività in corso, specialmente con il Regno Unito, ma anche alla ricerca di nuove rotte, ha aggiunto il presidente.

Gli accordi con varie compagnie aeree sono stati ripagati e sono stati raggiunti accordi che hanno consentito il recupero di 307.678 aerei in due mesi per la campagna invernale, sebbene sia “un punto e un seguito”, non un “punto finale” .

Gregorio Martín, Ministro del Turismo, ha spiegato che sono stati raggiunti accordi con Jet2.com che rappresentano 89.000 nuovi posti e un altro con Vueling con 100.000 posti, molto importante in questo caso in quanto è il mercato peninsulare.

Hanno anche aumentato i loro posti Wizz Air (30.000 posti), easyJet (36.000), British Airways (8.000), Volotea (4.000), Iberia Express (24.500) e Ryanair (8.300).

Rimaniamo in contatto con aziende e tour operator per ottenere nuovi posti”, ha affermato il presidente del Cabildo, che ha anche messo in luce la risposta dell’istituzione quando il fallimento di Thomas Cook si è verificato nel trasferimento all’aeroporto di turisti colpiti dalla chiusura della società .

In totale, il Cabildo ha trasferito 4.000 passeggeri dai suoi hotel all’aeroporto, ha spiegato il presidente del Cabildo.

Ha sottolineato che il Cabildo sta ancora lavorando per recuperare i posti persi ed esplorare nuove rotte di collegamento, mentre negozia la possibilità di creare una nuova base a Tenerife per una compagnia aerea.

“Ciò genererà occupazione e connettività”, ha affermato Pedro Martín, e ha osservato che la lezione appresa, a seguito dall’annuncio di Ryanair di sopprimere le sue basi nelle Isole Canarie è che, non si può fare solo e troppo affidamento su una singola azienda.

EFE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

33 + = 37