Situazione mobilità ingresso in Spagna. Provenienti dall’Italia i documenti da presentare non per tutte le regioni sono uguali

1

Situazione mobilità ingresso in Spagna. Provenienti dall’Italia i documenti da presentare non per tutte le regioni sono uguali

SITUAZIONE MOBILITÀ

• È consentito l’ingresso in Spagna da tutti i Paesi europei ed appartenenti allo spazio Schengen, senza obbligo di quarantena. Per chi proviene dalle aree considerate a rischio (Italia e altri Paesi UE inclusi) vige l’obbligo di presentare uno dei seguenti documenti: certificato di vaccinazione completa; test molecolare o antigenico negativo effettuato nelle 48 ore antecedenti l’ingresso nel Paese; certificato di guarigione dal coronavirus non antecedente i 180 giorni. Tale obbligo non è applicato alle seguenti regioni italiane di provenienza: Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano/Bozen, Provincia Autonoma di Trento, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria e Veneto. Prima dell’ingresso in Spagna per via aerea o marittima, indipendentemente dalla regione di provenienza, è inoltre necessario compilare un formulario di salute pubblica: per i dettagli, si veda il paragrafo “Principali provvedimenti spagnoli”. Specifiche misure restrittive sono in vigore nelle località con un’alta incidenza da COVID-19. Per tutti i dettagli, si veda il paragrafo “Situazione in Spagna”.

• Per quanto riguarda l’Italia, sono consentiti gli spostamenti da e per i Paesi Schengen, Principato di Andorra, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino e Città del Vaticano, senza necessità di motivazione (fatte salve le limitazioni previste in Italia su base regionale), ma con obbligo per chi entra in territorio nazionale dopo aver soggiornato o transitato in Spagna e in altri Paesi UE nei 14 giorni antecedenti, di essere in possesso di uno dei seguenti certificati: avvenuta vaccinazione, avvenuta guarigione o effettuazione, nelle 48 ore antecedenti l’ingresso nel territorio nazionale, di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo. Dal 24 maggio 2021, per tutti gli ingressi in Italia ad eccezione dei movimenti in fascia transfrontaliera, l’autodichiarazione cartacea è sostituita dal modulo digitale compilabile al seguente indirizzo: https://app.euplf.eu. Per tutti i dettagli, si veda il paragrafo “Situazione in Italia”. Sul territorio nazionale sono in vigore misure differenziate da Regione a Regione, articolate in base a quattro fasce di rischio (bianca, gialla, arancione, rossa).

• Per quanto riguarda i collegamenti aerei, le principali compagnie hanno ripreso ad operare tra Italia e Spagna già dai mesi di giugno e luglio 2020. Tuttavia, i voli sono ancora soggetti a frequenti modifiche o cancellazioni. Si raccomanda di consultare sempre la compagnia per confermare l’operatività e la puntualità del proprio volo.

CONTINUA su >>     Emergenza COVID-19 (Coronavirus): indicazioni delle Autorità spagnole ed italiane

Visita il nostro Magazine

1 commento

  1. Buongiorno, non mi è dunque chiaro se alle Canarie la legislazione vigente sia L medesima di quella spagnola.
    Provenendo dal Piemonte è richiesto almeno un tampone? Oppure l’ingresso non lo richiede?
    Grazie mille

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui