Il Cristo de La Laguna una delle effigi più venerate alle Canarie, soprattutto nell’isola di Tenerife

0
4076

Il Cristo de La Laguna rappresenta una delle effigi più venerate alle Canarie, soprattutto nell’isola di Tenerife. Inevitabile una riflessione sull’origine di tale statua, che fin dal suo arrivo a Tenerife gode della piena devozione dei fedeli, tutt’ora l’immagine di Cristo di maggior devozione alle Canarie.

Leggende avvolte da un’aurea di misticismo, tortuosamente legate alle cronache di miracoli attribuiti a quest’immagine. La leggenda più popolare arrivata fino ai giorni nostri è quella legata alla venuta di questa immagine per mano degli angeli. Esistono due versioni, che mi accingo a narrare.

Correva l’anno 1520, quando, stabilitosi nella città nuova, prima di Tenerife, nella valle de Aguere, il militare avamposto Alonso Fernández de Lugo pensò che fosse necessario avere in città un’immagine del Signore Crocifisso e cominciò a cercarne una che rendesse veramente onore a ciò che avrebbe dovuto rappresentare.

È qui che, stanco di tanto cercare, dopo aver rifiutato diverse effigi, ricevette in mano un’arca la cui provenienza gli era sconosciuta. Nell’aprirla, scoprì al suo interno un’immagine del Signore in Croce di una perfezione mai vista fino a quel momento.

Così, comprese che questa non poteva che essere opera degli angeli che venivano a soccorrere la città. Allora fece trasportare la statua nel convento francescano di San Miguel de las Victorias, da lui stesso fondato, e dove si era trattenuto fino a quel momento, e dove era avvenuta una gran quantità di miracoli.

La seconda versione è la seguente: il militare, stanco di cercare un’immagine del Crocifisso, venne informato da uno dei suoi luogotenenti dell’arrivo al porto di Santa Cruz de Tenerife di una nave che, tra i vari carichi, trasportava anche un’immagine come quella che lui stava cercando. Velocemente raggiunse il porto e trovò la nave.

Chiese all’equipaggio se era disponibile a vendergli l’immagine, che risultava di suo gradimento. Il capitano della nave gli disse di portare l’immagine ai cittadini di La Laguna, per fargliela vedere. Nel caso in cui al popolo fosse piaciuta, allora il militare sarebbe dovuto tornare dalla sua gente, senza la statua, per trattare il prezzo insieme a loro. Così fece Fernández de Lugo.

Quando volle tornare a pagare la statua, non trovò più la nave, e nemmeno i lavoratori del porto erano a conoscenza di una nave che fosse attraccata nel porto negli ultimi giorni. Allora il “conquistador” arrivò alla conclusione che…

continua a leggere su > Leggende avvolte da un’aurea di misticismo, tortuosamente legate alle cronache di miracoli attribuiti a quest’immagine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

+ 3 = 13