Incredibile risultato del Partito della Birra, terzo alle elezioni in Austria

0

Incredibile risultato del Partito della Birra, terzo alle elezioni in Austria

Il 9 ottobre gli austriaci si sono recati alle urne per eleggere il presidente dell’Austria. A vincere le elezioni con oltre il 56,2% dei voti il presidente uscente Alexander Van der Bellen, un esito che non ha stupito la popolazione, ma che ha anzi pienamente rispettato i sondaggi pre-elettorali, a differenza degli altri risultati. A compiere la vera impresa di queste elezioni è stato infatti il Partito della Birra, fondato da Marco Pogo, capace di piazzarsi addirittura al terzo posto con l’8,4% dei voti.

Quella che doveva essere una candidatura strettamente provocatoria ha, al contrario, ottenuto un successo senza precedenti, soprattutto a Vienna, dove, secondo le proiezioni, avrebbe superato il 10 percento, posizionandosi al secondo posto.

A votare il Partito della Birra soprattutto i giovani under 30, convinti dall’ottima campagna social condotta da Pogo, nome d’arte di Dominik Wlazny. Il Partito della Birra, che nelle elezioni comunali di Vienna nel 2020 aveva ottenuto l’1,8%, negli ultimi due anni ha fatto dei propri cavalli di battaglia l’importanza della libertà di opinione (in particolare nella libera scelta della varietà delle bionde) e l’introduzione di aiuti e sussidi per le persone meno abbienti (da intendere come “meno dotate nella sottile arte del gomito alzato”).

Il movimento birrocratico sembra dunque destinato a raccogliere l’elettorato di protesta più giovane e ribelle.

Ma chi è Marco Pogo? Da Wikipedia… Marco Pogo, pseudonimo di Dominik Wlazny (Vienna, 27 dicembre 1986), è un musicista e politico austriaco. È il fondatore e leader del Partito della Birra, movimento politico di ispirazione satirica.

Notizie canarie

Il Partito della Birra

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui