Luci di Natale un occhio alla sicurezza

0

Fisse, intermittenti, con sottofondo musicale. Esistono vari tipi di luci per addobbare l’albero di Natale.

Purtroppo se ne trovano in giro anche di pericolose, costruite senza le accortezze necessarie a renderle innocue. E si rischia di essere spinti ad acquistarle perché magari costano meno. Il rischio principale è che si surriscaldino, fino a provocare un incendio, favorito dall’infiammabilità dell’albero.

In commercio abbiamo trovato esempi di addobbi luminosi decisamente pericolosi. Per avere una parvenza di regolarità, vengono magari “griffati” da pseudo marchi “CE”. State alla larga da prodotti di questo tipo. Ispezionate con attenzione il prodotto, verificando che appaia solido e ben costruito, con fili ben isolati. Meglio le luci a bassa tensione (24 V), con alimentatore separato.

Se l’albero è in giardino o sul balcone, esistono luci specifiche per esterno. Meglio utilizzare una presa per ogni spina, evitando le “triple”. Mettere una tripla dentro l’altra potrebbe provocare incidenti se avete più spine, ricorrete piuttosto a prese multiple (le “ciabatte”). Nel fissare la catena luminosa, non usate ganci metallici: in caso di dispersione di corrente potrebbero fare da conduttori. Se dovete sostituire piccole lampadine bruciate o difettose, prima staccate la spina e usate luci uguali per tipologia e tensione.

Non lasciate che i bambini usino le catene luminose per giocare: non si tratta di giocattoli. Se utilizzate addobbi dell’anno precedente, controllate la spina, il cavo e le luci. Non devono esserci fili scoperti o danneggiati.

Prima di uscire di casa o andare a letto, ricordate di staccare sempre la spina.

 

Tratto da altroconsumo.it

{loadposition adsense_articoli}

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui