Il misterioso albero di Bordighera è l’ebano delle Canarie

0

L’albero misterioso nel giardino del museo Bicknell è un albero endemico della flora della Macaronesia, conosciuto come l’ebano delle Canarie e diffuso nelle isole dell’arcipelago, con l’esclusione di Lanzarote.

Si tratta di una pianta di grandi dimensioni e dalla ramificazione densa. Le sue foglie sono brillanti, coriacee, largamente lanceolate e di un colore verde intenso. Proprio in questi giorni, durante i lavori di recupero del giardino del Museo Bicknell a Bordighera, è stata riconosciuta una pianta misteriosa, probabilmente ancora sconosciuta nei giardini e negli orti botanici della Riviera e Cote Azur.

Uno straordinario dono lasciato a Bordighera da Clarence Bicknell. Secondo le prime osservazioni, in fase di conferma da parte del laboratorio di Botanica dei Giardini Hanbury, si tratterebbe di un albero di Apollonia barbujana (Cav.) Bornm., una pianta appartenente alle Lauraceae, come la Persea o il comune Alloro. E’ un albero endemico della flora della Macaronesia, conosciuto come l’ebano delle Canarie e diffuso nelle isole dell’arcipelago, con l’esclusione di Lanzarote. Si tratta di una pianta di grandi dimensioni e dalla ramificazione densa. Le sue foglie sono brillanti, coriacee, largamente lanceolate e di un colore verde intenso. I giovani germogli sono caratterizzati da un colore rossastro trasparente.

Manifesta piccoli fiori, di colore biancastro e riuniti in piccole infiorescenze terminali. Il periodo di fioritura è molto esteso e tende a coprire tutto l’anno sebbene con intensità diversa. Produce piccole drupe, che assumono un colore nero alla maturazione. E’ una specie indicata come resistente alla siccità. Per la qualità del suo legno, duro e resistente, è stato molto richiesto per l’ebanisteria spagnola. Oggi la specie è protetta da una legge regionale.

L’albero, la cui età è stimata in oltre cent’anni è rimasto nascosto nel giardino in compagnia discreta dei giganteschi Ficus macrophylla (Australia), a stretto contatto con una Lagunaria patersonia (Australia) e vicino ad una Casuarina equietifolia (Nuova Zelanda) e una contorta Malaleuca australiana. Clarence Bicknell continua e stupire e tra foto, libri, acquarelli, erbari e collezioni di farfalle, incisioni rupestri ci fa giungere oggi uno straordinario messaggio di speranza e amore per una Natura infinitamente generosa, ma che troppo spesso difendiamo solo a parole, e non poco nei fatti.

La scoperta della rara specie botanica verrà illustrata nella conferenza in calendario al Museo Bicknell per il prossimo 25 ottobre da Claudio Littardi, già responsabile del Servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria del patrimonio Ambientale del Comune di Sanremo, Presidente del Centro Studi per le Palme e curatore del Parco Bicknell e artefice del ritrovamento del giardino di questa rara specie botanica. Carlo Alessi

www.sanremonews.it

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui