Orari d’apertura dell’ aereporto Los Rodeos

0
aereoporto-los-rodeos-dett

aereoporto-los-rodeos-dettIl Cabildo di Tenerife ritiene necessario prolungare gli orari d’apertura dell’aeroporto Los Rodeos. Il tema torna di grande attualità.

Il Cabildo di Tenerife ha presentato uno studio indipendente all’AENA, la società statale di gestione aeroporti, secondo il quale un prolungamento degli orari d’apertura dell’aeroporto-nord

de “Los Rodeos” comporterebbe un aumento del traffico aereo del 4%, ovvero 250.000 passeggeri in più all’anno.

Secondo le valutazioni del Cabildo, se l’orario d’apertura venisse fissato dalle 6.30 alle 00.30, le entrate previste ammonterebbero all’incirca a 60 milioni di Euro con conseguente creazione di 1.700 nuovi posti di lavoro.

{loadposition adsense-riquadro-articoli-piccolo}Il vice presidente del Cabildo, Carlos Alonso, ha dichiarato con decisione che è opportuno riflettere su una tale possibilità, che non prevede nuovi investimenti ma semplicemente un maggior utilizzo delle strutture già esistenti.

Dopo un anno di trattativa con l’AENA, senza essere giunti a nessun accordo, si renderà necessario esercitare maggior pressione politica, nonché sociale. Dello stesso avviso si mostrano anche diverse compagnie aeree, nonché l’associazione degli albergatori e la camera di commercio.

AENA ribatte che lo studio presentato dal Cabildo non è sufficiente a dimostrare i vantaggi economici di tale proposta. C’è bisogno che le compagnie aeree diano garanzie in merito all’ aumento del numero dei voli per giustificare orari di apertura prolungati, anche se in realtà la compagnia regionale Binter Canarias, come Air Europa, Iberia e Vueling hanno già affermato di sostenere in pieno le richieste del Cabildo.

Anche il presidente dell’associazione albergatori, Jorge Marichal, è convinto che orari d’apertura prolungati gioverebbero al turismo insulare. Secondo valutazioni della Ashotel, oltre 67.000 nuovi turisti all’anno potrebbero venire, soprattutto verso le mete turistiche del nord dell’isola.

Ciò gioverebbe soprattutto a Puerto de la Cruz, capitale del turismo del nord, già impegnata per cercare di recuperare i lustri del passato. E ancora più esplicitamente il sindaco di Puerto de la Cruz, Marcos Brito, difende questo progetto, affermando che l’atteggiamento dell’AENA danneggia Puerto de La Cruz come meta turistica.

Ancor più comprensibile appare tale posizione se si considera che invece l’Aeroporto-Sud “Reina Sofía” nel ranking nazionale di rendibilità economica, occupa addirittura il secondo posto.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

87 − 86 =