Pensioni: Proposte per migliorare il servizio certificazione esistenza in vita

0

“Riferendomi al messaggio INPS 3378, del 30 agosto 2017, a riguardo delle ultime novità della campagna esistenza in vita per l’anno 2017, tra le varie modifiche migliorative del servizio, riscuote senza alcun dubbio apprezzamento la possibilità di esonerare il pensionato dall’invio del modello di attestazione quando incasserà personalmente, presso le agenzie Western Union del Paese di residenza, almeno una delle rate entro il termine di restituzione dell’attestazione”.

Così Giuseppe Stabile, consigliere Cgie per la Spagna, riferendosi alla procedura di accertamento dell’esistenza in vita avviata dall’Inps che, in questa prima fare – settembre 2017 – gennaio 2018 – interesserà i pensionati italiani residenti in Europa Occidentale (con esclusione dei Paesi Nordici), Africa e Oceania.
Secondo Stabile, la procedura potrebbe essere facilitata ancora “estendendo anche ad altri istituti bancari la prerogativa, allo stato concessa soltanto alla Western Union”. Si tratterebbe di “una maggiore semplificazione burocratica, che potrebbe sollevare finalmente i beneficiari da ulteriori incombenze”. (aise) 

{loadposition adsense_articoli}

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

+ 44 = 47