Santa Cruz de Tenerife. Proibito abbandonare tartarughe

0

Molte delle tartarughe abbandonate rientrano nel catalogo di specie esotiche invasive e possono danneggiare fauna e flora autoctone.

Il comune di Santa Cruz de Tenerife vigilerà affinché vengano rispettate le ordinanze comunali in presenza di esemplari di tartarughe che sono state abbandonate in luoghi pubblici negli ultimi giorni.

Membri della Fundación Neotrópico hanno trovato recentemente un esemplare di una tartaruga dalle orecchie gialle (trachemys scripta scripta) in uno degli stagni del Parque García Sanabria, per cui si è reso necessario catturarla e trasferirla ad un centro di recupero.

L’assessore all’Ambiente, Carlos Correa, ha ribadito che una tartaruga, come altri animali domestici, non rappresenta un gioco. Bisogna riflettere bene prima di prenderne una da tenere in casa, magari per i propri figli. L’assessore ha confermato che l’esemplare ritrovato è inserito nel catalogo delle specie esotiche invasive, regolamentato dal Real Decreto 630/2013 e potenzialmente in grado di provocare danni alla fauna e flora locali.

Dal punto di vista legale, il possesso, il trasporto, il traffico e il commercio di questa specie sono assolutamente proibiti, anche perché questa specie è riconosciuta pericolosa per tutto il territorio dell’Unione Europea. Tra gli effetti descritti, quello di provocare alterazioni nella vegetazione o nella popolazione di specie native o endemiche, oltre a disturbare i cicli naturali di riproduzione della vegetazione nativa.

Questo tipo di tartarughe depreda una gran varietà di animali, dagli invertebrati a tutti i piccoli vertebrati. 

{loadposition adsense_articoli}

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

+ 88 = 89