Tenerife. Arona: Rifiuti per terra… contenitori vuoti

0

Il 30% dei rifiuti generati ad Arona viene depositato a terra …mentre gli appositi contenitori restano vuoti

L’Ayuntamiento ha iniziato una campagna di sensibilizzazione con le aziende e con la cittadinanza, di fronte ad un problema che danneggia il sistema di raccolta rifiuti e di pulizia urbana.

L’Ordinanza Municipale stabilisce sanzioni da 60,00 a 3.000,00 Euro per il mancato rispetto delle norme. Garantire la pulizia ad Arona è un impegno di tutti, perché le azioni incivili non si limitano a generare cattivi odori, problemi di salute o una pessima immagine, ma danneggiano la stessa organizzazione del servizio di pulizia e raccolta, perché bisogna impiegare più tempo per raccogliere i rifiuti sparsi invece che limitarsi allo svuotamento meccanico del contenitore nel camion.

Tutto ciò costringe a deviare ulteriori risorse su queste zone, generando un effetto catena che danneggia l’intero sistema e tutti i nuclei coinvolti, come spiegato dal sindaco, José Julián Mena. Dal 2011 all’aprile dello scorso anno, la popolazione di Arona è cresciuta di oltre il 9,5% e si stima che la tendenza rimarrà invariata. A questo bisogna aggiungere le fasi con maggior turismo, per un ulteriore aumento del 10%, oltre al numero incalcolabile di persone dell’isola che visitano la località nei giorni festivi. Ad Arona ci sono tre fasce orarie per la raccolta dei rifiuti (mattina, pomeriggio e notte), considerato il volume turistico.

{loadposition adsense_articoli}

Infatti tra il 25 e il 30% dei rifiuti vengono generati dal turismo.

Gli assessori responsabili hanno confermato che, a qualsiasi ora del giorno, vengono raccolte tonnellate di rifiuti relativi alla potatura dei complessi residenziali privati, come anche di beni e oggetti sparsi sul terreno vicino ai contenitori o in altre aree municipali.

Tutto ciò, nonostante esista un servizio di raccolta gratuito, chiamando il numero 010.

Un altro problema è la separazione dei rifiuti, visto che i servizi di raccolta si trovano davanti a montagne di casse che si accumulano sul terreno, davanti a contenitori di carta e cartone vuoti, o sacchetti pieni di spazzatura indifferenziata gettati nei contenitori del vetro.

Il mancato rispetto della legislazione sui rifiuti si verifica abitualmente, visto che si versano liquidi in contenitori che successivamente si disperdono nei camion di raccolta, per finire direttamente sulla strada. Di conseguenza, gli addetti ai servizi devono provvedere con secchi d’acqua alla pulizia di queste aree, nei limiti del possibile, con conseguenti disagi e ritardi sull’intero sistema di raccolta.

Nel 2015, il Comune ha raccolto 2.155 tonnellate di carta e cartone e 710 di contenitori attraverso la raccolta differenziata di rifiuti, con un leggero incremento annuale, ma insufficiente per una produzione totale di 57.480 tonnellate di rifiuti generati lo scorso anno e un totale di differenziato nei contenitori di riciclaggio pari al 3,5%. Inoltre, si sono effettuati ulteriori sforzi per collocare la giusta quantità di contenitori e rispettare i dati di litri per abitante stabiliti dall’accordo per le aree urbane per comuni con oltre 50.000 abitanti.

Si sta cercando di aumentare le risorse disponibili e dotare il comune di un servizio efficace, ma l’area comprende diversi nuclei, molto dispersi sul territorio di quasi 82 kilometri quadrati, con oltre 90.000 persone residenti e oltre 1,5 milioni di turisti all’anno.

Senza la collaborazione dei settori dell’economia e della cittadinanza, qualsiasi misura intrapresa avrà un effetto limitato.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

+ 75 = 83