Tenerife un percorso, una sfida. Los Realejos e la “Ruta 040”

0

Tenerife un percorso, una sfida. Los Realejos e la “Ruta 040”

La “Ruta 040”, nell’isola di Tenerife, rappresenta una vera e propria sfida, che consiste nel raggiungere la cima del Teide partendo dalla riva della Playa di El Socorro, nel Municipio di Los Realejos e ritornare sullo stesso percorso, per toccare di nuovo la sabbia vulcanica della spiaggia.

Senza dubbio si tratta della grande sfida integrale del Teide, il terzo vulcano più grande del pianeta, considerandone la base. Arrivare alla cima del colosso atlantico rappresenta una sfida molto impegnativa, che però non si può considerare conclusa finché non si torna al mare. Per un amante della montagna la sfida non è completa se non si torna al luogo di partenza.

Echeyde, così gli aborigeni guanches chiamavano il Teide, nascondeva al suo interno i poteri del male, una specie di inferno di cui avevano timore, una figura circondata da un alone di mistero. Un valore aggiunto per questa impresa, che con circa 7.600 metri di dislivello accumulati e 56 kilometri di tracciato montagnoso, è la rotta con il maggior dislivello orografico della Spagna, facendo dell’isola di Tenerife una meta attrattiva per gli sportivi, un vero must.

Per i corridori esperti e atleti opportunamente allenati, la rotta rappresenta una sfida da compiere in un solo giorno, come hanno effettivamente fatto molti sportivi e skyrunners di livello internazionale, e dove ogni stagione vengono battuti nuovi record, impensabili fino alla stagione precedente.

Per i meno preparati a questo tipo di prove, si raccomanda di godere del percorso, concedendosi varie soste, completando le tappe in due o tre giorni, ottenendo così la meta finale più comodamente e con la stessa soddisfazione. Le condizioni climatiche poi consentono di percorrere la tratta quasi tutto l’anno, ad eccezione dell’inverno, quando il Teide si copre di neve. Si tratta di un’esperienza unica in un luogo sorprendente.

La “Ruta 040” è un esempio che consente di conoscere parte di questo patrimonio, sia culturale che naturale, percorrendo il tracciato, partendo dalle acque della Playa de El Socorro, salendo al Teide per incoronarlo, e tornando nuovamente alle sabbie nere della costa.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

− 1 = 3