Dal 1700 l’evoluzione delle palline da Golf

0
166

Dal 1700 l’evoluzione delle palline da Golf 

SURLYN IN TRE PEZZI Attualmente è la pallina più usata tra i giocatori di golf.

La sua distanza media è di 266metri. La costruzione delle palline in tre pezzi da la possibilità ai fabbricanti di variare le prestazioni delle  stesse a seconda delle esigenze,  quali la traiettoria e l’effetto di rotazione della palla. Le variazioni devono comunque entrare negli standard previsti dalla R&A Rules Limited Ltd e The United States Golf Association.

I DIMPLE, le fossette visibili sulla parte esterna delle palline, sono state variate negli anni sia nella forma sia  nel numero, con la necessità di contrapporsi alla  resistenza del vento.

Nel 1921 la R&A impose che la pallina dovesse essere di 1,62 pollici di diametro e di peso in once. Questa pallina forniva prestazioni migliori dell’attuale e fu utilizzata per circa 40 anni, anche se nel 1931 la R&A approvò ufficialmente una norma che prevedeva un diametro di 1,68 pollici. La R&A rese obbligatoria la pallina da 1,68 pollici in occasione dell’open del 1974. Ora una pallina ha un diametro di 1,68 pollici (42,67 mm) e un peso di 1,62 once (45,93 grammi).

FEATHERY, Siamo intorno all’anno 1700. Pare sia la prima pallina da golf. Associata al 1° campione di golf Allan Robertson, il quale le usava sia per giocare sia per integrare i propri guadagni. Costruita a mano in pelle e riempita di piume d’oca, veniva immersa in acqua e lasciata asciugare, la pelle si restringeva e le piume d’oca si espandevano dando alla pallina la durezza e l’elasticità desiderate.  Questa pallina era sprovvista di DIMPLE (fossette esterne) e copriva una distanza di 170/180 metri.

GUTTY, siamo verso la metà dell’ottocento. Fu la prima pallina ad associare i DIMPLES. Queste palline erano costruite con un lattice denominato GUTTAPERCA e il loro costo era molto inferiore alla Feathery e miglioravano la distanza che incominciava ad avvicinarsi ai 200 metri.

HASKELL, nel 1899 fu brevettata la cosi detta PALLA HASKELL. Questa palla era costituita da un nucleo di gomma con avvolti dei filamenti dello stesso materiale e ricoperta da un involucro di Guttaperca. Il primo ad applicare un involucro di Dimples fu William Taylor nel 1905. Con questa pallina si raggiungeva la distanza di circa 220 metri.

1,62 BRITISH, nell’anno 1921 la R&A fissò in 1,62 il diametro in pollici e il peso in once. Questa palla venne associata a Henry Cotton e copriva una distanza media di 220 metri.

WOUND BALATA Fu Phillip Joung che nel 1930 sviluppo una macchina in grado di  avvolgere un filo di gomma attorno ad un nucleo liquido che migliorava le prestazioni e le rotondità della pallina. Con questa pallina si incominciò a superare la distanza di 330 metri.

SOLID SURLYN Con la pallina Spalding Tour Edition, Il campione Greg Norman si presentò all’Open Championscip del 1986 di Turnberry, vincendolo. Questa pallina costituita da un nucleo in Polibutadiene e un rivestimento in Ionomero caratterizzato dalla resina Surlyn Dupont,si dimostrò superiore alle palline allora in dotazione nel circuito professionistico. La distanza media era di 250 metri Buon golf a tutti.

Ezio Paschini

© Riproduzione riservata

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

+ 50 = 56