Home Editoriali Pensiero dell’editore: Eurovision 2022. Cerco la traduzione del testo della canzone solo...

Pensiero dell’editore: Eurovision 2022. Cerco la traduzione del testo della canzone solo per capire e non per giudicare

0

Pensiero dell’editore: Eurovision 2022. Cerco la traduzione del testo della canzone solo per capire e non per giudicare.

Il mio pensiero. La musica ha un suono… ascolto, mi può piacere o non piacere. Le parole… non le capisco… non è una canzone italiana. Ma non mi fermo lì, non giudico da un colore di una bandiera o da un vestito. Cerco il testo tradotto della canzone, per capire, sì, solo per capire e non per giudicare. Antonina Giacobbe.

Eurovision 2022 – Ucraina: testo e traduzione di Stefania dei Kalush Orchestra scritto da Laura Boni 

Il brano, come ha rivelato il produttore artistico Oleksii Zhembeovskyi, era stato scritto inizialmente da Psyuk nel tentativo di dedicare la canzone a sua madre. Come si legge nel testo, il brano racconta la protezione tra le braccia e le care parole sussurrate al bambino in passato. Con l’inizio del conflitto in Ucraina, il brano ha ottenuto anche un altro tipo di lettura: infatti si possono evincere riferimenti alla patria e alla sicurezza con cui ha cresciuto i suoi figli, anche in un “temporale” come la guerra”.

Traduzione testo:

Madre Stefania, Stefania mia madre
Il campo è in fiore, ma i suoi capelli stanno diventando grigi
Madre, cantami la ninna nanna
Voglio sentire la tua cara parola
Mi cullava da piccola, mi dava un ritmo,
E non puoi togliere la forza di volontà in me, come l’ho presa io da lei
Penso che ne sapesse più di re Salomone.
Troverò sempre la strada di casa,
anche se tutte le strade sono distrutte
Non mi sveglierebbe nemmeno se fuori ci fosse un temporale
O se c’è stata una tempesta tra lei e la nonna,
si fidava di me più di tutti gli altri
anche quando era stanca, continuava a cullarmi
Ninna nanna, ninna nanna
Madre Stefania, Stefania mia madre
Il campo è in fiore, ma i suoi capelli stanno diventando grigi
Madre, cantami la ninna nanna
Voglio sentire la tua cara parola
Non sono più un bambino, ma mi tratterà sempre come tale
Non sono più un bambino, ma continua a preoccuparsi per me, ogni volta che esco
Madre, sei ancora giovane.
Se non apprezzo la tua gentilezza, sto andando verso un vicolo cieco
Ma il mio amore per te non ha fine.
Madre Stefania, Stefania mia madre
Il campo è in fiore, ma i suoi capelli stanno diventando grigi
Madre, cantami la ninna nanna
Voglio sentire la tua cara parola

tratto da gingergeneration.it

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version