Gli inglesi lasciano le Canarie prima della brexit

0
18766
Gli inglesi lasciano le Canarie prima della brexit

Gli inglesi lasciano le Canarie prima della “brexit”. 

Il numero di residenti inglesi nelle isole è diminuito del 35% nell’ultimo decennio

Alle Isole Canarie, anno dopo anno, arrivano milioni di visitatori dal Regno Unito, e proprio grazie ai viaggi di piacere sono diventate un “rifugio” e una residenza per i Britannici che desiderano vivere meglio e in tranquillità la loro pensione, ma anche lavorare.
Il numero dei residenti inglesi nelle Isole Canarie è tuttavia diminuito negli ultimi anni, con un forte incremento del fenomeno dopo il referendum a favore della “brexit”. In totale, l’arcipelago delle Canarie ha perso in un decennio il 35% dei Britannici residenti.

Secondo l’Instituto Canario de Estadísticas (ISTAC), nelle Isole Canarie vi sono attualmente 24.767 residenti britannici, in base all’ultimo registro comunale del 2018. E’ un dato ancora elevato, ma inferiore del 35% rispetto a un decennio fa, quando gli Inglesi sulle isole erano 37.926 . La “caduta” si è verificata prima del 2008, ma è innegabile che la decisione di uscire dall’Unione europea, nel 2016, ha segnato una perdita di residenti molto forte..

Tra il 2018 e il 2017 i rimpatri erano stati più moderati e riguardavano un totale di 388 Britannici, ma se si osservano le cifre dell’ultimo decennio, solo Fuerteventura è riuscita ad aumentare i residenti inglesi (+ 18%), mentre la perdita più forte la accusa proprio Tenerife, con il 47%.  Di fatto si sono persi in totale 10.740 abitanti di nazionalità britannica dal 2008 e La Palma, nel frattempo, ha a sua volta perso 172 residenti. Gran Canaria, sebbene non sia tra le prime mete scelte dagli Inglesi, è al terzo posto per il calo dei residenti, con il 31% dal 2008. Anche Lanzarote ha perso il 15% dei suoi residenti inglesi, mentre La Gomera ha visto partire 67 britannici. El Hierro è riuscita invece a rimanere quasi stabile, passando da 23 a 22 residenti. 

L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, così come la disinformazione circa le future normative del Paese – che pare in alto mare sotto molti punti di vista – sono condizioni che non tranquillizzano gli Inglesi e li inducono a lasciare l’arcipelago. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

− 7 = 3