Adeje: i lavori per il nuovo teatro e la tecnologia

0

Adeje: i lavori per il nuovo teatro e la tecnologia

La nuova strutture prevede, oltre al teatro con capienza di 500 persone, una sala complementare per 110 persone per uso variato, come saggi, conferenze, etc. ed è prevista anche la disposizione di camerini, servizi, magazzini e locali ausiliari: la hall fungerà anche come sala espositiva. L’edificio è stato dotato delle ultime tecnologie in fatto di domotica, con materiali sostenibili ed efficienza energetica, come per esempio l’utilizzo di illuminazione led. Allo stesso tempo, la struttura rispetta le nuove normative sanitarie per la prevenzione del Covid e altre future malattie.

Il Sindaco di Adeje ha assicurato che “si tratta di un’opera molto attesa e necessaria per il nostro comune. Il nostro nuovo teatro non sarà solamente un’infrastruttura di primo livello tecnico e artistico, in grado di ospitare qualsiasi tipo di montaggio, rappresentazioni o spettacoli musicali, ma capace anche di completare e far parte del nostro progetto per riavviare le attività socio-economiche di Adeje. Siamo convinti che il teatro avrà un ruolo fondamentale in tutto ciò che è l’area di Calle Grande e Plaza de España, Casa Fuerte e il Barranco del Infierno”.

Il Sindaco ha poi ringraziato il Cabildo “per l’impegno apportato nel progetto, per il contributo economico e per l’interesse dimostrato, perché questo teatro è dotato di tutte le strumentazioni e le tecnologie necessarie per renderlo efficiente e competitivo”.

Una delle particolarità del nuovo teatro di Adeje è la cassa scenica, unica nel sud di Tenerife. Un equipaggiamento che consentirà di offrire ogni tipologia di spettacolo, con grandi scenografie, sia di teatro che di danza o musical. La cassa scenica è munita di 25 pale motorizzate e altre 10 fisse che consentono di mantenere operative diverse scenografie allo stesso tempo, come spiegato dall’Assessore Esther Rivero Vargas. Il nuovo teatro è stato eretto nello stesso terreno in cui si trovava l’antica sala cinematografica, accanto al Centro Cultural, e si tratta di un’opera che ha saputo riutilizzare gran parte dello spazio delle zone più antiche.

Notizie canarie

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui