LANZAROTE – ARRECIFE: IL PARADISO DELLE PIANTE

0

La “finca ecológica” del Cabildo di Lanzarote, opera da 16 anni nel recupero e nella custodia di semi autoctoni, che in alcuni casi erano andati persi. Questa azienda agricola, gestita dal Cabildo, si propone inoltre di conservare questi stessi semi, per diffondere e promuovere la produzione di varietà autoctone ed opera al tempo stesso come centro sperimentale di nuovi prodotti per combattere piaghe e malattie.

Il nome ufficiale di questa struttura è “Centro de Biodiversidad Agrícola”, ma è anche altro, un vero e proprio Eden, oltreché ospedale e laboratorio, e banca di conservazione dei prodotti agricoli autoctoni di Lanzarote. Tutte queste attività vengono svolte in una “finca” acquisita dal Cabildo nel 1996, e resa completamente ecologica dal 1998.

La fattoria si estende per tre ettari, dove si conducono coltivazioni sperimentali di circa una cinquantina tra frutteti, leguminose, prodotti ortofrutticoli (come per esempio pomodori, cipolle, zucchine) e molteplici varietà di grano (frumento, miglio, farro, segale), o piante foraggere che serviranno successivamente come alimento per gli allevamenti.

Viene gestita anche una banca di semi andati persi con il tempo e che si sta cercando di salvare, con un gran lavoro di ricerca, come per esempio la cipolla di Lanzarote, i piselli di Paloma, o la varietà locale di miglio.

Nel caso della cipolla di Lanzarote, il seme, nel tempo, era andato degenerandosi, mescolandosi anche con altre varietà portate da fuori ed arrivando ad un momento in cui si era totalmente perso. Per questo, si è iniziato con il lavoro di ricerca e recupero da circa 7 anni.

Casi simili si erano verificati con alcune varietà di leguminose, con l’aglio o con il pomodoro chiamato “tomate de manzana negra”, un tempo introvabile e che adesso è tornato di moda.

Da segnalare infine l’attività di ricerca e sperimentazione per il controllo delle piaghe, l’elaborazione dei compost, concimazione, allevamento lombrichi e molte altre attività. (foto Carrasco)

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui