Cabildo coordina con i rappresentanti consolari di 17 paesi presenti a Tenerife su come intervenire nel caso in cui un visitatore straniero risulti positivo al covid durante il suo soggiorno

0

Il presidente del Cabildo de Tenerife, Pedro Martín, ha incontrato questo lunedì i rappresentanti degli organi consolari di 17 paesi, presenti a Tenerife, al fine di organizzare un’azione, nel caso in cui un visitatore straniero risulti positivo al covid durante il suo soggiorno a Tenerife.

Martín, accompagnato dall’amministratore delegato del Turismo di Tenerife, David Pérez, ha ringraziato tutti i partecipanti all’incontro per la disponibilità a risolvere eventuali dubbi su come procedere, in ogni caso, quando una persona termina la vacanza e risulta essere positiva”.

Durante l’incontro, è stato spiegato dagli incaricati responsabili, che il Governo delle Isole Canarie ha una polizza assicurativa, collettiva e anonima per i turisti stranieri e nazionali che visitano l’arcipelago delle isole Canarie. Si tratta di una polizza destinata a coloro che minimo, trascorrano una notte in una struttura regolamentata, e un massimo di 30 giorni, e che hanno ottenuto una PCR positivo per COVID-19 durante la loro permanenza nelle isole Canarie.

È stato affermato che, sebbene il protocollo includa varie casistiche, è anche vero che possono esserci casi eccezionali come i turisti che soggiornano nelle case dei parenti o in strutture non regolamentate. “È in questi tipi di casi che il Cabildo di Tenerife sta cercando, attraverso Turismo de Tenerife, una soluzione alternativa, nei casi in cui la legalità lo consente”, ha spiegato il presidente.

I rappresentanti consolari che hanno partecipato all’incontro sono stati Juan Carlos Díaz Lorenzo, console finlandese nelle Isole Canarie, decano del Corpo consolare, oltre a Guillermo de la Torre (Ecuador), Alejandro Tosco (Guatemala), Helen Díaz de Arcaya (Regno Unito ), Vicente Álvarez Gil (Portogallo), Silvio Pelizzolo (Italia), Francisco Perera (Repubblica Slovacca), Luis M. Sobrón (Argentina), Nora Hermann-Boer (Ungheria), Juan Mesa de Ponte (Brasile), Tori Wulff (Norvegia ), Stan Weytjens (Paesi Bassi), Wolfgang Schwarz (Germania), Ángel Hernández (Germania), Bernard Lonis (Francia), Carlos Lorenzo (Lituania), Tessa Willis (Irlanda) e Charlotte K. Abiltrup (Danimarca).

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui