Canarie: 2.267 casi di Ictus all’anno

0

L’Assessorato Regionale alla Salute ha reso noto che alle Canarie si verificano ogni anno 2.267 nuovi casi di Ictus, ma al tempo stesso si registra una diminuzione della percentuale di mortalità dovuta a questa patologia, che è la prima causa di grave disabilità tra la popolazione.

 

L’Ictus è una patologia vascolare che riguarda le arterie che portano sangue al cervello, specificatamente nel momento in cui, per diverse cause, le cellule cerebrali non ricevono più sangue, perdendo quindi funzionalità. In questo caso, si verificano la paralisi di un lato del corpo, e disturbi del linguaggio. Esistono due tipi principali di ictus: l’ischemico, quando il problema è dovuto all’ostruzione parziale o completa di un vaso arterioso, o l’emorragico, quando invece si rompe un’arteria cerebrale. L’85% del casi di ictus sono di natura ischemica e il restante 15% emorragica.

 

Il “Código Ictus” è un sistema di allarme che consente una rapida identificazione, la segnalazione e il trasferimento del paziente affetto da ictus ai servizi d’urgenza. Questo “codice” è stato elaborato considerando l’ictus come  “urgenza medica”. L’attivazione del “Código Ictus”, presente in tutte le isole dell’arcipelago delle Canarie, tramite chiamata al 112, è utile durante la fase acuta dell’ictus, riduce i tempi di trasporto verso le strutture ospedaliere e consente di aumentare i trattamenti specifici preventivi, che possono aiutare a diminuire il grado di lesione cerebrale, e consentire un maggior recupero delle funzionalità del paziente.

 

Le Canarie dispongono di cosiddette “Unidades de Ictus” nei quattro grandi centri ospedalieri del Servicio Canario de la Salud, che operano come unità di riferimento per il resto delle isole e che dispongono di equipe di assistenza, strumenti adeguati, e neurologi di guardia 24 ore. La prima “Unidad de Ictus” dell’Arcipelago venne creata nell’Hospital Universitario Nuestra Señora de Candelaria nel 2002. Seguirono poi quella dell’Hospital Universitario de Gran Canaria Dr. Negrín, nel 2004, e quella dell’Hospital Universitario Insular de Gran Canaria nel 2007. La più recente è quella che si trova nell’Hospital Universitario de Canarias (HUC).

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

19 − 17 =