Canarie. La Giustizia ha approvato: i locali pubblici potranno richiedere volontariamente il certificato Covid

1

Canarie. La Giustizia ha approvato: i locali pubblici potranno richiedere volontariamente il certificato Covid

Il provvedimento rimarrà in vigore, inizialmente per un mese, a partire da questo 10 dicembre, fino al 10 gennaio 2022, soggetta in ogni caso a monitoraggio e valutazione. La Corte Superiore di Giustizia delle Isole Canarie (TSJC) ha approvato, questo sabato 4 dicembre, la misura sanitaria contro la diffusione del Covid-19 concordata dal Ministro della Salute del Governo delle Isole Canarie il 29 novembre.

Si tratta di un sistema di “ricompensa”, attraverso il quale i responsabili dei centri, delle strutture, delle attività o degli spazi ad uso pubblico che volontariamente sceglieranno di richiedere l’accreditamento di assenza di infezione attiva da Covid-19, possono aumentare la capienza, il numero di persone per gruppo e orario di chiusura. Secondo la Camera, questa misura crea “ambienti più sani, più sicuri e con meno probabilità di trasmettere il virus”.

In un’ordinanza notificata questa mattina, la Camera del Contenzioso Amministrativo del TSJC (Tribunale Supremo di Giustizia delle Canarie) presso la sua sede a Las Palmas de Gran Canaria, specifica che il riconoscimento, anche volontario, si realizzerà o esibendo l’esito negativo ad un test diagnostico, o ad una vaccinazione contro il covid-19, oppure presentando un riconoscimento che attesti di aver superato la malattia.

Visita il nostro Magazine

1 commento

  1. Quindi se tutti i negozi lo dovessero chiedere,alimentari compresi,potrebbe essere che chi non è vaccinato,se non fa cada vez un tampone,potrebbe non poter fare la spesa??

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui