“Ciao” supera “hello” nel sud di Tenerife

0

Per la prima volta, il numero di residenti italiani supera quello degli inglesi nel comune di Adeje, confermando il “boom” dei cittadini della penisola italiana in tutta la regione canaria.

La metà dei residenti registrati ad Adeje provengono da fuori della Spagna e la comunità italiana è la più grande tra quelle straniere, registrando 6.000 persone, nel comune turistico per eccellenza del sud di Tenerife, che ha conosciuto la piú alta crescita della popolazione (quasi quadruplicato dal 2000, passando da 14.000 residenti a 51.287) e rappresenta ad oggi, insieme al vicino comune di Arona, uno dei casi più eclatanti a livello nazionale nell’accoglienza di stranieri provenienti dai cinque continenti. Nel caso di Arona, il numero di residenti italiani ammonta a 10.000, un quarto della popolazione straniera del comune.

Dei 51.287 abitanti registrati in questa città di 106 chilometri quadrati, la metà (25.934) è spagnola, mentre il resto (25.353) è distribuito tra 116 nazionalità, tra le quali spicca, di gran lunga, quella italiana. Nel sud di Tenerife, Adeje rappresenta un fenomeno degno di studio, a tal punto che i residenti italiani guidano per la prima volta la classifica degli stranieri di questo comune – come accade anche ad Arona – battendo la numerosa comunitá britannica, che storicamente la piú numerosa.

La diaspora italiana nel sud di Tenerife è diventata un vero e proprio fenomeno e i politici locali, consapevoli di questo, stanno studiando come rendere questa espansione elettoralamente redditizia. La presenza di sindaci e consiglieri è sempre più frequente negli eventi in cui è coinvolta la comunità italiana. Solo tra Arona e Adeje ci sono più di 16.000 voti in gioco.

In una recente intervista, il Console Onorario d’Italia, Silvio Pelizzolo, ha dichiarato che si stima che siano circa 30.000 i connazionali che vivono nell’isola di Tenerife, soprattutto nel Sud, anche se solo la metà di essi sono registrati al Consolato (requisito obbligatorio per ricevere i servizi consolari).

Oltre alle aspettative di lavoro e ad un costo della vita più economico, influiscono fattori come le somiglianze culturali, le abitudini e il clima. E`nel settore dei servizi, in particolare ristoranti, caffetterie, hotel e negozi, dove la maggior parte trova lavoro.

Secondo i dati ufficiali del registro comunale a giugno di quest’anno, 5.979 italiani vivono ad Adeje, una cifra che supera la popolazione di nove comuni di Tenerife. Il numero supera di quasi 2.000 i residenti inglesi, fino ad ora la nazionalità con maggiore presenza. I cittadini provenienti dalla Russia sono al terzo posto, toccando i 1.500, mentre i rumeni salgono al quarto posto, con 1.300. Il quinto posto è condiviso da tedeschi e francesi, con più di mille abitanti. Si distingue anche la comunitá marocchina (766), cinese (750), indiana (736) e belga (701). Per quanto riguarda i paesi latino-americani, venezuelani guadagnano il primo posto (513 abitanti), seguita da Argentina (345), Colombia (343), Uruguay (252) e Cuba (249). Come curiosità, la statistica include 26 cittadini del Bangladesh, oltre a giapponesi, australiani, giamaicani, un bhutanese e un apolide.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

+ 42 = 46