Continuano i furti in veicoli parcheggiati nel Parco Nazionale del Teide. La Guardia Civile arresta un uomo accusato reato di rapina

0

Continuano i furti in veicoli parcheggiati nel Parco Nazionale del Teide. La Guardia Civile arresta un uomo accusato reato di rapina

Agenti della Guardia Civile appartenenti alla Centrale de La Orotava, hanno proceduto all’arresto di un uomo di 30 anni, residente nel comune di Arico, in quanto presunto autore di un reato di rapina con forza in cose interne del veicolo.

I fatti si sono verificati alcuni giorni fa, quando l’imputato avrebbe proceduto a forzare la serratura di alcuni veicoli parcheggiati dai turisti, nel parcheggio di Los Roques de García nel Parco Nazionale delle Cañadas de El Teide.

L’imputato con numerosi antecedenti per atti simili ha utilizzato lo stesso modus operandi, che sarebbe quello di avvicinarsi ad una delle autovetture parcheggiate nei pressi di Las Cañadas, al fine di forzare la serratura del veicolo e poter così rubare oggetti o denaro all’interno dell’autovettura, sfruttando la distrazione dei turisti mentre in quel momento, scottano fotografie nelle vicinanze.

Dopo aver forzato la serratura del veicolo e attivatosi a rubare gli oggetti che erano all’interno, l’imputato che è stato sorpreso dal proprietario è riuscito a fuggire. Dopo aver presentato la relativa denuncia e fornito i dati identificativi del veicolo dell’imputato, gli inquirenti hanno attivato il procedimento per le relative investigazioni e dopo diverse indagini è stato possibile identificare e procedere all’arresto dello stesso.

La Guardia Civile raccomanda:

• Se si utilizza un veicolo, non lasciare oggetti di valore in vista ed evitare che adesivi o pubblicità accanto alla targa, possano rivelare che il veicolo non proviene dalla zona.

• Quando parcheggi, cerca di scegliere i luoghi più trafficati e ben illuminati e quelli che sono coperti dal campo visivo di una telecamera di sicurezza.

• Assicurarsi sempre che le serrature di chiusura del veicolo siano state inserite prima di andarsene.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui