Coronavirus: decisioni e dati dagli Stati Uniti, Libia e Russia

0

Coronavirus: decisioni e dati dagli Stati Uniti, Libia e Russia

La pandemia del nuovo coronavirus proveniente dalla città di Wuhan, nella provincia di Hubei, nella Cina centrale, conta già 598.000 infezioni e quasi 28.000 morti in tutto il mondo, soprattutto a causa dell’esplosione dell’epidemia negli Stati Uniti, che somma già un sesto dei casi, un totale elevato rispetto al paese di origine, metà dei quali a New York.

Le Nazioni Unite avvertono che un’epidemia di coronavirus in Libia potrebbe avere “conseguenze catastrofiche”.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha avvertito che un focolaio di coronavirus minimamente grave in Libia, potrebbe avere “conseguenze catastrofiche” considerando la situazione del paese, nel caos assoluto per quasi un decennio e immerso, in un conflitto tra il governo di Tripoli e le forze ribelli orientali.

La Russia chiuderà tutti i suoi confini a partire da lunedì 30 marzo.

Il governo russo ha annunciato la chiusura dei confini in tutto il paese a partire da lunedì prossimo per combattere la diffusione dell’epidemia di coronavirus che ha già calcolato oltre 1.000 infetti e sei morti nel paese.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

71 − = 63