Finisce l’era dei low cost. Lo sostiene la compagnia aerea con i voli più economici

0

Finisce l’era dei low cost. Lo sostiene la compagnia aerea con i voli più economici

Il CEO del gruppo Ryanair, Michael O’Leary, pioniere in Europa del modello Low Cost, prevede per i prossimi cinque anni l’aumento dei prezzi dei voli passeggeri, parallelamente all’aumento dei costi dei combustibili e delle tasse di carattere ambientale. Ha poi aggiunto che i biglietti aerei sono “troppo economici” e, per molte tratte, inferiori a quelli di 10 anni fa, anche se una relazione prodotta negli Stati Uniti indica un aumento del 18% lo scorso aprile, il maggiore dal 1963. O’Leary, in un’intervista al quotidiano britannico Financial Times, afferma che “le tariffe aumenteranno, perché attualmente volare costa poco…le tariffe aeree che costano meno di un biglietto del treno sono semplicemente assurde”.

“I prezzi così bassi sono un’opera mia. Ho guadagnato molti soldi in questo modo. Ma, in ultima istanza, non credo che viaggiare in aereo sia sostenibile a medio termine con tariffe medie di 40 Euro”. Secondo O’Leary, le tariffe dovrebbero aumentare per raggiungere almeno 50 o 60 Euro a biglietto. Solo il tempo gli darà ragione o meno. Ciò nonostante, O’Leary sembra aver cambiato criterio. Un paio di mesi fa, aveva affermato alla RTE d’Irlanda: “nonostante tutto quello che si dice sulla necessità di aumentare il costo dei biglietti aerei, l’era dei voli low cost non è ancora finita”. O’Leary ha anche criticato il Governo britannico per il “disastro” causato dalla Brexit, per quelli che sono i problemi attuali del personale aereo. Ha affermato che la Brexit ha impedito che l’industria dei viaggi reclutasse lavoratori europei per supplire alla mancanza di personale.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui