Fuerteventura. Immondizia fuori i contenitori: multa fino a 3.000 €

0

L’Ayuntamiento de La Oliva inizia una campagna di sensibilizzazione cittadina per la pulizia e gli orari per il deposito dell’immondizia, denominata “La Oliva torna a brillare” in spagnolo “La Oliva vuelve a brillar”.

Sotto lo slogan “La Oliva vuelve a brillar” l’ Ayuntamiento ha lo scopo di ricordare ai cittadini la necessità di mantenere l’ambiente pulito.

Nel comune di La Oliva, importante città di Fuerteventura, sono installati circa 700 contenitori per il deposito di rifiuti organici, la cui raccolta è di competenza del Comune, un servizio fornito da una società che è stato fatto con la concessione di servizio.

Nell’anno 2013 è stato approvato l’attuale ordinanza di igiene urbana e gestione dei rifiuti, in cui si afferma, tra l’altro, che obbligatoriamente devono essere depositati negli appositi contenitori all’interno di un calendario prestabilito tra le ore 20:00 e 02:00 per i mesi di ottobre a marzo e dalle 21:00-02:00 durante i mesi di aprile fino settembre. Il deposito di rifiuti nei contenitori dovrebbe essere fatto in sacchetti sigillati.

Queste sono le regole nella maggior parte dei comuni nel resto del paese ed è una misura che cerca di evitare l’accumulo di rifiuti nei contenitori e la generazione di odori per azione diretta dei raggi solari sul cestino. L’ordinanza stabilisce anche un sistema di sanzioni in caso di violazione degli obblighi arrivando a pagare una multa fino a 3.000 euro.

{loadposition adsense_articoli}

La Policia Local de La Oliva con una unità specifica del medio ambiente ha inoltre intensificato il suo compito di controllo in relazione a questo decreto di legge per trovare una città più pulita. A questo proposito, nel 2016, ha sollevato 295 atti di infrazione sulla pulizia urbana a Corralejo, 6 a El Cotillo, 2 a Lajares, 1 a Parque Holandés e Villaverde Park.

 

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui