GIOCARE PER METTERSI IN GIOCO

0

  

“Giocare per mettersi in gioco” è lo slogan scelto dagli organizzatori per lanciare a Tenerife il I ° Torneo internazionale di Tennis in carrozzina organizzato da En Ruedas Tenerife con il patrocinio dell’Ayuntamiento di Arona, il contributo di diversi sponsor privati e il sostegno del Periodico ViviTenerife e della Clìnica Dental Medical Implant. La manifestazione si svolgerà presso il Complejo Polideportivos Jesùs Dominguez “El Grillo” di Los Cristianos (Arona) durante i giorni 5, 6, 7 e 8 maggio 2016.

Marilena Pratesi, Presidente di En Ruedas Tenerife, costretta in prima persona a dover affrontare la disabilità, diventa ideatrice e promotrice di questa iniziativa sportiva in un’isola già sensibilizzata rispetto alle esigenze dei disabili. Dopo essere stato eletto come “modello internazionale per il turismo accessibile”, il Comune di Aronarinnova il suo impegno e conferma la sua sensibilità verso il tema della disabilità sostenendo attivamente i progetti e la filosofia di En Ruedas Tenerife.

L’orientamento della missione di En Ruedas Tenerife è il frutto delle esperienze personali e professionali maturate da tutti i soci fondatori profondamente convinti che lo sport possa essere un’ottima opportunità per favorire il superamento della barriera psicologica della disabilità.

Da qui il forte impegno al fine di diffondere e sviluppare la cultura dello sport in carrozzina e di rendere possibile la sua pratica a vari livelli a tutte le persone disabili presenti sul territorio di Tenerife (residenti e/o turisti), divulgando così un modello di vita attiva per le persone in carrozzina.

L’iniziativa, che ha raccolto larghi consensi, ha dato origine a un vero lavoro di squadra, fatto di sinergie e sodalizi tra persone appartenenti alla comunità italiana presente a Tenerife e persone originarie delle Canarie, a dimostrazione del fatto che quando si parla di temi sociali non esistono limiti di nazionalità, lingua o esperienze di vita. Spesso la diversità diventa fonte di ricchezza reciproca permettendo a tutti di colorare il proprio bagaglio personale.

{loadposition adsense_articoli}

L’obiettivo del torneo è quello di raccogliere fondi per avviare una scuola di sport in carrozzina. Lo scopo principale è poter permettere alle persone costrette a muoversi in carrozzina di ritrovarsi, divertirsi e praticare un’attività sportiva ricreativa.

Spesso per il disabile lo sport rappresenta il primo passo verso l’integrazione sociale, lo aiuta a riprendere contatto con il mondo che lo circonda, facilitandone e accelerandone l’inserimento nella famiglia, nella scuola, nel lavoro e inducendolo a uscire dal proprio isolamento, a ritrovarsi con gli altri, ad associarsi, accettando categorie comuni di valori, acquistando il senso della partecipazione sociale e rafforzando l’identità personale attraverso la migliore conoscenza degli altri. Inoltre l’aspetto socializzante dello sport si evidenzia particolarmente nei rapporti interpersonali: non si condividono solo obiettivi di gioco, ma ci si scambiano esperienze vissute.

Qualsiasi sfida stimola l’autostima. Il fatto di essere coinvolti in eventi dei quali si diventa protagonisti permette di ritrovare nello sport il desiderio di affermarsi, il piacere di esprimersi e la gioia di competere.

In alcune discipline sportive possono gareggiare insieme disabili e non; il risultato e la vera vittoria è la migliore comprensione e il superamento bilateralmente del sentimento di “diversità”.

Sport, quindi, come momento di cura, ma anche momento di amicizia, esperienza di festa. Sport come situazione in cui si sperimenta il confronto con l’altro e con i propri limiti, si apprende il rispetto delle regole ed il gusto dell’impegno. Sport come attività che reca in sé una carica straordinaria e affascinante di umanità, di conquista, di coraggio, di pazienza, diventando avventura che riempie di segni, di obiettivi e di speranza.

La partecipazione al torneo sarà un momento di festa e di confronto aperto a tutti; un’ottima opportunità per tutti coloro che, in carrozzina o in piedi, sono disposti a crescere umanamente ed emotivamente avvicinandosi a situazioni non sempre conosciute.

Per maggiori informazioni riguardo la scuola polisportiva o il torneo di tennis in carrozzina, è possibile contattare En Ruedas Tenerife attraverso l’indirizzo e-mailinfo@enruedastenerife.es

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

48 − 39 =