Golf Campo Scuola Federale – Parco Forlanini – Saini – Milano

0
laghetto-parco-forlanini-milano

laghetto-parco-forlanini-milanoImpossibile non associare la pratica del golf a club esclusivi per gente ricca: magari non abbiamo mai visto un campo da golf dal vero, però in televisione o al cinema ne abbiamo visti a decine, a volte set di fatti delittuosi o luoghi di svago per i ricchi, o presunti tali, del posto.

 

Se del vero ovviamente c’è, è possibile provare a fare del golf uno sport “normale”? Sì, secondo la Federazione Italiana Golf, che ha stipulato nel luglio 2010 una convenzione con il Comune di Milano per realizzare un campo scuola federale per la promozione del golf sul territorio milanese su un’area di proprietà comunale in via Gorelli.

Si tratta di un’area di circa 116.000 metri quadri, fra via Gorelli, via Taverna e, dal lato opposto, confinante con gli impianti sportivi del Saini.

Un’area rientrante nel progetto di ampliamento del Parco Forlanini, vinto nel lontano 2001 dall’architetto portoghese Goncalo Byrne e mai realizzato per i notevoli costi di realizzazione.

Secondo il progetto “il parco viene organizzato in aree di carattere ricreativo e sportivo, come ippica, golf, minigolf, tennis, piscine, o con attività di carattere ambientale o culturale, orti, garden festival, cinema all’aperto, teatro, centri anziani, aree gioco e giardini tematici.

Le aree destinate a attività ludiche sono sempre corredate con piccole attrezzature di appoggio, servizi igienici e bar, e sono situate nelle vicinanze dei parcheggi a lato degli accessi al parco.

Il progetto prevede diversi programmi di recupero delle cascine, da convertire in centri di carattere culturale: Ciclo Center, Garden Festival, Club House Golf, Centro Spettacolo.

Parallelamente vengono mantenute all’interno delle cascine private le attuali attività, nella prospettiva di riconvertirle a funzioni alberghiere’ Byrne ripropone e interpreta i temi della campagna lombarda nella sua connotazione agricola con una scelta botanica che riprende le specie tipiche della pianura padana.

L’acqua rappresenta un elemento importante, infatti vengono ripensati gli argini del fiume Lambro, la riapertura delle rogge e la riqualificazione del laghetto esistente. Sono accolte nel nuovo progetto anche le aree agricole.

La realizzazione del campo scuola federale, quindi, si colloca all’interno del progetto accanto agli altri insediamenti sportivi del Saini; di più, la concreta sistemazione dell’area prevede che vengano rispettati proprio i criteri del progetto, con la piantumazione di specie tipiche della pianura padana (verranno piantati più di 2500 alberi), la riapertura e sistemazione delle rogge (con la realizzazione di due laghetti e la rimessa a nuovo delle vecchie chiuse).

Per quanto riguarda l’attività sportiva, invece, nella convenzione si specifica, che per promuovere il golf la Federazione dovrà fare incontri le scuole, mettere a disposizione dei giovani fra i 12 e i 16 anni almeno 10 ore settimanali con un istruttore federale, realizzare annualmente un evento con le scuole cittadine, praticare agevolazioni tariffarie agli over 60, alle utenze sociali e all’utenza libera in determinate fasce orarie.

I lavori sono in corso in questi mesi, e questa parte del parco, risanata da baracche e sporcizia, sta cambiando volto: ci sono molte opportunità ancora da definire con l’assessorato allo Sport per rendere quest’area fruibile il più possibile dai cittadini.

Per ragioni di spazio, concludiamo questa prima presentazione del progetto del campo scuola da golf e ci riproponiamo di ritornarci in modo più ampio a progetto completato.

Stefania Aleni Dall’Associazione Culturale QUATTRO GIORNALE DI INFORMAZIONE E CULTURA ZONA 4

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

64 − = 61