La prima pietra – Il Cabildo inizia la costruzione del Circuito dei Motori di Tenerife

0

Il Presidente del Cabildo di Tenerife, Carlos Alonso, insieme Riccardo Ferretti amministratore di Onda Rossa oltre che direttore generale di Axia, hanno collocato, il 29 agosto 2016, la prima pietra del Circuito del Motor di Tenerife ubicato nel municipio di Granadilla de Abona. 

Molti nomi noti e importanti erano presenti come la consejera de Deportes Cristo Pérez, il rappresentante del municipio Juan Rodrìguez, il Console Onorario d’Italia a Santa Cruz de Tenerife Silvio Pelizzolo, il diretto del Circuito Walter Sciacca e infine i rappresentanti della Federaciones Insulares de Automovilismo y Ciclismo.

Carlos Alonso ha detto che “alla base di questo progetto c’è il sogno degli appassionati di motori. Senza gli appassionati e i tifosi, sarebbe stato impossibile iniziare i lavori e realizzare il progetto. Inoltre è stata preziosa la collaborazione dei tecnici del Cabildo e persone come Adam Martin e Ricardo Melchior, i due presidenti che hanno scommesso su questa infrastruttura, o i consiglieri Fernando Capdevila, Jose Manuel Bermudez, Dàmaso Arteaga, Cristo Perez e, naturalmente, Eduardo Pintado , che ha progettato il tutto.

Tutti hanno reso possibile che oggi siamo qui e continueremo a combattere per avere questa infrastruttura “.

“Tenerife è un’isola da sogno degna di diventare leader nel settore turistico, anche se sicuro avremo difficoltà in questi 21 mesi di costruzione del circuito, ma chiedo a tutti la speranza e la fiducia in questo progetto, che è iniziato come un sogno, ma ben presto diventerà realtà.” ha concluso Alonso.

{loadposition adsense_articoli}

Alla domanda di quanti lavoratori occorreranno per la realizzazione del progetto la risposta è stata 50, una squadra di operai che può essere ampliata a seconda delle esigenze.

Da parte sua, Ricardo Ferretti ha detto che è “un giorno storico”, e ha espresso la sua gratitudine a “tutti coloro che hanno reso possibile il circuito”.

Per il capo della Onda Rossa “il circuito si trova in una posizione strategica per l’isola di Tenerife” e diventerà “un punto di attrazione per eccellenza tecnologica, per tutte le Canarie”.

“Vogliamo contribuire a raggiungere l’eccellenza del turismo di Tenerife, con la generazione di imprese e aumentando l’offerta per il tempo libero, che si tradurrà in un aumento dell’occupazione”.

Il lavoro di picchettamento è già iniziato e durerà per due mesi o giù di lì. In sostanza, sono iniziati i lavori topografici e il trasferimento di specie vegetali presenti nella zona, con la supervisione di un esperto ambientale. Terminata questa fase, si procederà alla costruzione e lavorazione del terreno.

 

cerimonia-circuito.jpg

 

La cerimonia della posa della prima pietra è iniziata con un minuto di silenzio in memoria delle vittime del terremoto che di recente si è verificato in Italia e poi proceduto con la lettura dei verbali e la firma.

In seguito, una serie di elementi simbolici sono stati introdotti in un’urna:

VIDEO dell’ntroduzione degli elementi simbolici e il posizionamento della prima pietra 

Una bandiera a scacchi (Federación Interinsular de Automovilismo de Santa Cruz de Tenerife) e una foto storica del pilota Nestor Jorge (Federación Insular de Motociclismo de Tenerife), il piano originale del circuito, quattro testate giornalistiche, (di cui con onore anche il nostro il Periodico Vivi Tenerife NdR) e una pendrive con la relazione del progetto.

 

20160829_165837.jpg

 

Il giorno seguente alla cerimonia, il 30 agosto, il Periodico Diario de Avisos pubblica

l’inserimento della sua testata nell’urna, direttamente dalle mani del Console Onorario d’Italia di Tenerife Silvio Pelizzolo 

Da sinistra:  Walter Sciacca, Riccardo Ferretti, Carlo Alonso Presidente del Cabildo di Tenerife.

 

DIARIO_DE_AVISOS_30agosto2016.jpg

 

La cerimonia si è conclusa con una breve esibizione di due moto e due auto da corsa fatti circolare attraverso un tratto in cui sarà situato il traguardo.

Il circuito di Tenerife: avrà una superficie di circa 350.000 metri quadrati.

Il tracciato principale è progettato per essere in grado di ottenere l’approvazione di licenza T1-FIA.

La pista ha una lunghezza totale di 4.067,95 metri, 10 curve a sinistra e 5 curve a destra e la direzione di marcia è opposta alla direzione oraria. 

 La velocità stimata, secondo i calcoli effettuati dalla simulazione per una F1, è 310,59 chilometri all’ora alla fine del rettilineo, mentre la velocità minima è 91,45 chilometri all’ora.

 

20160829_181106.jpg

 

20160829_181157.jpg

 

20160829_174601.jpg

 

20160829_163435.jpg

 

inizio-circuito-lavori.jpg

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

7 + 1 =