Il Municipio di Santa Cruz de Tenerife chiede la chiusura dei locali della ristorazione alle ore 24

0

Il Municipio di Santa Cruz de Tenerife chiede la chiusura dei locali della ristorazione alle ore 24

Questo è stato richiesto dal sindaco della città, José Manuel Bermúdez, nell’incontro tenutosi con il Ministro della Salute del Governo delle Isole Canarie, poiché non esiste uno studio scientifico che supporti la misura, di imporre la chiusura alle ore 23:00.

Il sindaco di Santa Cruz de Tenerife, José Manuel Bermúdez, ha detto ieri al Ministro della Sanità delle Canarie, Blas Trujillo, “la necessità di ritardare di un’ora, quindi alle 24, la chiusura delle attività di ristorazione, poiché non c’è nessuno studio scientifico che supporti questa regola e che influenzi direttamente l’aumento delle infezioni da COVID-19”.

In questa linea di argomentazione, il sindaco ha voluto chiarire che “la priorità è cercare di abbassare i cento contagiati ogni 100.000 abitanti per non avere più un – semaforo rosso -“, mentre aggiungendo dichiara “per i ristoratori sarebbe una misura importantissima, giacché un’ora in più avrebbe un effetto notevolmente positivo, in un anno così particolarmente difficile ”.

“Con questo orario di chiusura (alle 23.00) si stanno solo promuovendo incontri presso abitazioni private, dove i controlli sono praticamente impossibili, incoraggiando la pratica illegale del così detto “botellón”, questi sì, che sono importanti fonti di diffusione del virus”, ha aggiunto il sindaco.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui