Italia. Seggiolini antiabbandono, ok del Consiglio di Stato 

0
Baby in rear facing car seat has the safety belt on

Italia. Seggiolini antiabbandono, ok del Consiglio di Stato 

L’iter era bloccato dal 26 settembre 2018: mancava proprio il via libera dell’organo ausiliario al decreto attuativo del ministero dei Trasporti. La legge prevede, per chi la infrange, una multa di 81 euro, la decurtazione immediata di cinque punti dalla patente e, in caso di recidiva nell’arco di un biennio, la sospensione del titolo da 15 giorni a due mesi

La legge – La legge, la 117 del 2018, sulla scia delle tragedie avvenute negli anni passati, obbliga a installare dispositivi antiabbandono per i bambini fino a quattro anni.

Il provvedimento doveva entrare in vigore il 1° luglio 2019 ma una serie di lungaggini burocratiche ha di fatto fermato la norma. A mancare era proprio il via libera al decreto attuativo con le caratteristiche tecniche inerenti ai seggiolini, inizialmente previsto entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge, quindi entro il 27 dicembre 2018.

Una prima bozza di decreto era stata bocciata. Poi il testo è stato riscritto e approvato dalla Commissione europea il 26 luglio scorso. La legge prevede delle sanzioni per chi non utilizza i sistemi antiabbandono: una multa di 81 euro, la decurtazione immediata di cinque punti dalla patente e, in caso di recidiva nell’arco di un biennio, la sospensione del titolo da 15 giorni a due mesi.

Tratto da ilfattoquotidiano.it

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui