La Palma. Nuova colata lavica meridionale

0

La Palma. Nuova colata lavica meridionale La riattivazione nella mattinata di questo sabato del versamento da sud di Montaña Cogote verso il Camino La Majada ha focalizzato l’incontro del Comitato direttivo del Piano Speciale per la Protezione Civile e l’attenzione alle emergenze per il rischio vulcanico delle Isole Canarie (Pevolca), dove è stata analizzata anche la scarsa attività nel resto dei centri di emissione, con una battuta d’arresto dell’attività eruttiva sul versante nord-est e un piccolo anticipo del versamento in direzione di Las Manchas.

Per quanto riguarda l’evoluzione dei flussi, il direttore tecnico, Miguel Ángel Morcuende, ha indicato, come principale novità delle ultime ore, la riattivazione della colata lavica meridionale che corre verso il Camino La Majada in direzione sud-ovest, colmando i vuoti tra i flussi 3 e 11 e occupare nuova superficie in un’area già evacuata. La velocità iniziale di questa colata è andata rallentando in quanto perde fluidità e guadagna viscosità, a causa del materiale che ha incontrato durante la sua traiettoria.

L’area interessata è stimata in 1.146 ettari, con una larghezza massima di 3.350 metri, e l’estensione dei delta lavici si mantiene sui 48 ettari, anche se tutti questi dati dovranno essere aggiornati dopo la riattivazione della colata a sud.

Per quanto riguarda i terreni coltivati ​​coperti da lava, si stima in 350,39 ettari. Di questi, circa 217,37 sono bananeti; 61,2 vitigni e più di 26,72 avocado. A queste cifre si deve aggiungere la superficie isolata dai getti, che si sta calcolando, e quella coperta dalla cenere.

La sismicità a profondità intermedie è diminuita nelle ultime 24 ore, e viene localizzata nelle stesse aree. Il numero di terremoti a profondità maggiori di 20 chilometri rimane basso e il livello del tremore è a valori bassi, con una variabilità minore.

Pur avendo abbassato questi parametri, indicati in un comunicato di Pevolca, i livelli di anidride solforosa nel pennacchio continuano ad essere elevati, il che indica la presenza di magma disponibile per il vulcano.

Foto: El IGME-CSIC en La Palma

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui