La società Chievo calcio sbarca alle Canarie

0

Dopo l’apertura di una Academy Chievo, la prima negli Stati Uniti, a Miami lo scorso febbraio, la società del Presidente Luca Campedelli ha annunciato un accordo di collaborazione istituzionale con il Comune spagnolo di Arona (Tenerife – Isole Canarie). L’accordo prevede lo sviluppo tecnico di tutte le società calcistiche dilettantistiche della città. Coinvolgerà circa 700 bambini e 70 allenatori, comprendenti tutte le categorie: dai Primi calci fino alla Primavera.

L’accordo contempla la presenza dei tecnici del Settore Giovanile del ChievoVerona per tutta la stagione sportiva 2018/19. Nella prima parte della stagione saranno sviluppate le parti didattiche rivolte agli allenatori locali, poi l’attenzione si sposterà sul campo con le attività da insegnare a tutti i ragazzi delle società calcistiche comunali.

Entro la fine del 2018 è prevista la valutazione di tutti i ragazzi da parte dei tecnici gialloblù. Al termine di ogni stagione sportiva, (dunque a fine maggio) i ragazzi che si saranno dimostrati migliori, insieme a un gruppo di allenatori, avranno la possibilità di allenarsi nelle strutture del Bottagisio Sport Center e a Veronello. I primi per perfezionare il percorso tecnico e didattico, i secondi per continuare il periodo di osservazione affiancati dagli allenatori del ChievoVerona.

Il progetto avrà una durata di dieci anni: scadrà quindi nel 2028. Oltre a ringraziare gli amministratori del Comune di Arona, in primis il Sindaco Josè Juliàn Mena Pérez e l’Assessore allo Sport Juan Sebastian Roque Alonso, il Chievo ringrazia tutte le società calcistiche che hanno aderito con entusiasmo al progetto:

– Club Deportivo Furia Arona

– Club Deportivo Buzanada

– Uniòn Deportiva Ibarra

– Club Deportivo Igara

Crescere giovani calciatori insieme seguendo le metodologie tecniche del ChievoVerona: dopo Miami, la società gialloblù sbarca anche nell’arcipelago spagnolo.​

https://www.tggialloblu.it/pages/732413/chievo/il_chievo_sbarca_alle_canarie.html

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui