Lanzarote. Situazione appartamenti turistici, continua la polemica

0

Lanzarote. Situazione appartamenti turistici, continua la polemica

Continua la polemica che circonda gli appartamenti turistici per la mancanza di una regolamentazione chiara e di un’applicazione uniforme. Da quando la Corte Suprema ha respinto nel 2018 parte del decreto regolatore del Governo delle Canarie, il cui obiettivo era quello di impedire l’affitto di case vacanze nelle zone turistiche, il settore non ha smesso di crescere, soprattutto in queste zone.

Infatti, le case vacanze hanno più del 77 per cento dei 6.866 appartamenti turistici a Lanzarote, nelle tre zone principali turistiche dell’isola, Yaiza, Tías e Teguise, un totale di 5.316 case vacanza. Se contiamo in numeri di posti alloggio, sul totale di 31.396 che ci sono sull’isola, secondo l’annuario del 2022 del Centro de Datos del Cabildo de Lanzarote, questi tre comuni detengono quasi l’80 per cento, pari a un totale di 25.105 posti alloggiativi.

Se consideriamo che Lanzarote ha 62.011 posti turistici in alberghi e appartamenti, distribuiti in 186 strutture ricettive, i letti degli appartamenti turistici rappresentano già il 50 per cento dell’offerta tradizionale di alberghi e appartamenti. E l’offerta globale di alloggi è di quasi 93.400. La verità è che la cifra di 62.011 posti non è reale, poiché neanche in questa sezione vengono aggiunti i posti offerti nelle ville turistiche e questo dato non viene fornito nell’annuario del 2022 del Cabildo de Lanzarote che stabilisce i principali indicatori dell’attività turistica sull’isola.

L’Ente Turismo ricorda inoltre che gli appartamenti turistici negli edifici di proprietà orizzontale devono essere conformi all’autorizzazione della comunità dei residenti, e nelle zone turistiche richiedono che se un complesso residenziale, viene trasformato in AV (Alquiler Vacacional) deve rispettare e mantenere gli standard di qualità di un complesso turistico.

Sul versante opposto, l’ASCAV (Asociación del Alquiler Vacacional), si lamenta degli attacchi che riceve dal settore turistico tradizionale e mette sul tavolo i benefici che apporta al settore questo mercato, con soggiorni medi di 14 giorni e una spesa in alloggio di 2.500 euro. Allo stesso tempo affermano di essere uno dei settori più controllati del paese.

Notizie Tenerife

Lancelotdigital

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui