L’ERTE (cassa integrazione) continuerà dopo il 31 maggio

0
L’ERTE (cassa integrazione) continuerà dopo il 31 maggio

Il settore turistico aveva già chiesto la proroga per tutto l’anno dell’Expedientes de Regulación Temporal de Empleo ERTE ) , poiché è chiaro che la ripresa non sarà totale nel 2021 dato il prolungarsi della crisi causata dalle nuove ondate di pandemia di COVID-19.

La vicepresidente e ministro del lavoro, Yolanda Díaz, ha sottolineato questo giovedì, che questo meccanismo di protezione, continuerà oltre il 31 maggio con una “formula simile a quella attuale” e che a breve si apriranno le trattative.

Il ministro ha sottolineato che una delle grandi conquiste dell’ERTE, è stata quella dove anche le piccole e medie imprese e i lavoratori autonomi hanno potuto avvalersi, per la prima volta “di questo sistema di tutela del lavoro e delle imprese, democratizzando un meccanismo che fino ad ora era stato riservato alle grandi imprese”.

Da parte sua, la vicepresidente e ministro dell’economia, Nadia Calviño, ha sottolineato questa settimana che nel nuovo ampliamento dell’ERTE, i parametri dovranno essere “aggiustati” per “stimolare la riattivazione”, vale a dire, tornare a uno schema che premia di più le aziende con i lavoratori che si reincorporano da un ERTE.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui