L’incontinenza è l’ultimo tabù medico che non è ancora stato sconfitto

0

L’incontinenza è l’ultimo tabù medico che non è ancora stato sconfitto

Le donne si rivolgono al proprio medico solo dopo 4 anni e gli uomini dopo 6 perché ci si vergogna e non si ha informazione sulla cura, fino ad oggi molto costosa.

È una media europea, quella che racconta la Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico, Fincopp. Ci vogliono 5 anni dal manifestarsi dei primi sintomi dell’incontinenza urinaria, prima che una persona decida di dirlo a un medico.

E in questo modo, dato che non è una patologia che mette a rischio la vita, anche a livello istituzionale sembra che non esista. Invece, insiste Fincopp, di incontinenza urinaria maschile e femminile ne soffrono 5 milioni di italiani e basterebbe una corretta informazione sulle terapie riabilitative e sulla presenza di nuovi farmaci generici per contenere con successo il problema, senza troppi oneri per il portafogli e tornare a una vita normale.

L’incontinenza urinaria infatti non è una malattia che altera lo stato di salute della persona, ma è una condizione che limita le attività sociali e deprime, a livello psicofisico, per la perdita di dignità e che ha quindi costi elevatissimi. L’utilizzo della riabilitazione dei muscoli, riabilitazione del pavimento pelvico con esercizi mirati, è la prima azione terapeutica da seguire che permette in questo ambito una buona risposta al problema con conseguente miglioramento della qualità della vita del paziente. Inoltre, in tutti i casi è possibile ricorrere al farmaco come sostegno alla riabilitazione.

Oggi la terapia farmacologica è sostenuta dalla presenza di farmaci generici con un costo limitato che garantisce un risparmio fino all’80% e rimborsabili, con nota 87, nei pazienti affetti da incontinenza urinaria da urgenza nei casi in cui il disturbo minzionale sia correlato a patologie del sistema nervoso centrale come ictus, morbo di Parkinson, tumori, spina bifida, sclerosi multipla.

NoveColonneATG

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

98 − 92 =