Narcotraffico. Due importanti organizzazioni criminali smantellate a Tenerife, una di origine albanese e l’altra di origine italiana

0

Narcotraffico. Due importanti organizzazioni criminali smantellate a Tenerife, una di origine albanese e l’altra di origine italiana

Dopo le dettagliate indagini sono state smantellate due delle più importanti organizzazioni criminali di narcotraffico operanti nell’isola, una di origine albanese e l’altra di origine italiana, legate alla “ndrangheta”, dedita anche al riciclaggio a livello internazionale. Tra quelli del primo gruppo di detenuti, sei erano di nazionalità albanese, due italiani, un ungherese, un argentino e un africano.

Sedici dei 28 arrestati nell’ambito dell’operazione Dragon Ball contro il traffico di droga e il riciclaggio di denaro effettuata a Ibiza e in altre parti del territorio spagnola, così come Tenerife, sono stati arrestati, come riportato dalla Guardia Civil questo Martedì.

Nella seconda fase dell’operazione Dragon Ball, schierata sabato scorso in varie parti dell’isola, sono state arrestate 17 persone a Ibiza, tre a Malaga e una a Tenerife. Dei 17 arrestati a Ibiza, 13 persone sono state incarcerate, di cui due donne.

Degli arrestati nelle Isole Baleari, 15 erano italiani e due dell’Ecuador, mentre a Malaga sono stati arrestati due italiani e uno spagnolo. Nel caso del detenuto a Tenerife, era di nazionalità italiana.

La droga sequestrata somma a 18 kg di metanfetamina con cui si sarebbero potute produrre 870.000 pillole di ecstasy, 4,5 kg di cocaina, una piantagione di cannabis con 600 piante di marijuana, oltre a notevoli quantità di altre sostanze, strumenti di pesatura e pressatura. Inoltre sono state sequestrate 3 armi da fuoco, 330.000 euro in contanti e 23 veicoli di fascia alta.

I Carabinieri e la Guardia di Finanza hanno collaborato all’operazione denominata Dragon Ball, con il supporto della Direzione Investigativa Antimafia (DIA) e personale specializzato del progetto ISF4@ON per la lotta ai gruppi mafiosi.

Notizie canarie

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui