Non solo la Spagna ha riscontrato un preoccupante aumento di casi di gonorrea, ma tutta l’Europa

0

Non solo la Spagna ha riscontrato un preoccupante aumento di casi di gonorrea, ma tutta l’Europa. Il Centro Nacional de Epidemiología conferma l’aumento di casi di gonorrea, arrivati a 182 nelle Canarie.

In un solo anno, i casi di gonorrea sono aumentati del 24,8% nel paese. Le Canarie hanno registrato 182 casi, pari a 8,4 casi ogni 100.000 abitanti, come confermato nella relazione emessa dalla Vigilancia Epidemiológica delle malattie infettive, pubblicata dal Centro Nacional de Epidemiología. In Spagna nel 2016 sono stati riscontrati 6.456 casi di infezione gonococcica o gonorrea, pari al 24,87 % in più che l’anno precedente, quando sono stati riscontrati 5.170 casi, un aumento che arriva ad essere del 222% rispetto al 2005, quando ci furono 1.155 casi.

I dati relativi alle persone infette nel 2016, hanno registrato 13,89 casi ogni 100.000 abitanti, dati in aumento rispetto all’anno precedente, con 11,14 casi ogni 100.000, e al 2014, quando l’incidenza era di 9,82 casi ogni 100.000 persone. Ad ogni modo, si tratta sempre di dati allarmanti, se paragonati con i 5,01 casi del 2010 e con i 2,66 casi del 2005. Anche così, il numero di infezioni è minore rispetto alla media europea, che parla di 20 casi ogni 100.000 persone, secondo i dati forniti dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle malattie.

Quindi, non solo la Spagna ha riscontrato un preoccupante aumento dei casi, ma tutta l’Europa. La media è raddoppiata rispetto al 2008, quando il tasso era di 8 casi ogni 100.000 abitanti. In totale, nel 2014, nei 27 Stati Membri dell’UE, sono stati registrati 66.413 casi. Nel Regno Unito si è triplicata la media europea con 60 casi ogni 100.000 abitanti, seguito dall’Irlanda (28,3%), Danimarca (20,3%), Lituania (18,2%) e Svezia (13,9).

Gli esperti confermano l’aumento allarmante di casi di gonorrea. I motivi, come confermato dal Dottor Jorge del Romero, membro della Sociedad Española de Enfermedades Infecciosas y Microbiología Clínica (SEIMC) risiedono su un miglior sistema di diagnostica, ma anche nell’aumento di pratiche sessuali a rischio, dovuto all’uso delle droghe e al fatto che è sparita la paura di ammalarsi di Aids.

La situazione è da considerarsi seria, e deve essere messa tra le priorità nell’agenda degli operatori del settore. Si sta verificando un aumento delle malattie a trasmissione sessuale, che richiede l’attenzione delle autorità sanitarie.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui