Servizi assistenziali a persone senza fissa dimora. Due autobus “Guaguaseos” presteranno servizi a Tenerife e Gran Canaria

0

Servizi assistenziali a persone senza fissa dimora. Due autobus “Guaguaseos” presteranno servizi a Tenerife e Gran Canaria Due autobus della Titsa presteranno servizi assistenziali a persone senza fissa dimora

I cosiddetti “Guaguaseos” (da guagua = autobus + aseos = servizi igienici,ndt), adattati dalla ONG Oportunidades de Vida, in collaborazione con il Governo delle Canarie, sono provvisti di docce e lavandini, per consentire agli utenti di curare la propria igiene personale, farsi tagliare i capelli, manicure e ricevere anche assistenza medica.

Il Presidente del Cabildo, Pedro Martín, ha presentato queste nuove risorse assieme all’Assessore alle Pari Opportunità (Consejera de Derechos Sociales), Noemí Santala, all’Assessore ai Trasporti (Consejero de Movilidad), nonché Presidente della Titsa, Enrique Arriaga, il Presidente dell’Asociación Oportunidades de Vida, Rafael Hernández e il Direttore insulare, José Alberto León.

Pedro Martín ha ringraziato l’associazione Oportunidades de Vida “per questa sensibilità verso i più disagiati, capace di arrivare lì, dove le amministrazioni sono carenti o dove comunque necessitano di sostegno”. Ha poi proseguito: “è proprio nei momenti difficili e critici che associazioni come questa sono particolarmente necessarie. La grande richiesta dimostrata verso questi servizi dimostra che il lavoro de Oportunidades de Vida, del Governo delle Canarie e del Cabildo è fondamentale”.

Noemí Santana ha confermato che questo veicolo serve per sostenere la popolazione più vulnerabile dell’Arcipelago. Ha poi aggiunto che si tratta di un progetto che rende dignità a queste persone e offre loro la possibilità di disporre di condizioni igieniche sane e di assistenza medica. Tutto questo si rivela particolarmente importante, perché è il primo progetto di questo tipo alle Canarie. È già presente a Gran Canaria, Fuerteventura e Tenerife, e si spera presto anche a Lanzarote.

Enrique Arriaga ha confermato che a Tenerife ci sono già accordi con diversi Comuni, come per esempio con Puerto de la Cruz e La Laguna, e si spera che altri Comuni si aggiungano, per massimizzare le prestazioni delle due “guaguas”, e soprattutto offrire questo servizio nei punti dove più c’è bisogno. Ha poi aggiunto che questo progetto non pretende di porre fine al fenomeno dei senza dimora, perché questo problema necessita della collaborazione di tutte le amministrazioni.

Il Presidente dell’associazione Oportunidades de Vida, Rafael Hernández, ha detto che da quando questo servizio è attivo, sono state assistite 393 persone a Gran Canaria e 251 a Tenerife. Anche lui ha precisato che questo progetto non risolve il problema dei senza tetto, ma offre la possibilità di restituire un po’ di dignità a chi non ha niente. Il vantaggio di allestire una struttura simile all’interno di un autobus offre il vantaggio di essere mobile, per andare a coprire le aree con maggiore necessità.

Le due guaguas che prestano servizio a Tenerife e Gran Canaria sono state donate dalla società Titsa, (Transportes Interurbanos de Tenerife), del Cabildo di Tenerife, e adattate dall’associazione, assieme al sostegno dell’Assessorato alle Pari Opportunità del Governo delle Canarie. Oltre a queste due vetture, ne esiste una terza operativa a aFuerteventura.

Sono fornite di doccia, lavandino, area per il taglio dei capelli e manicure, e un’altra con un lettino per l’assistenza medica.

C’è poi un piccolo spazio ricettivo per la consegna di biancheria pulita e un kit per l’igiene personale. La parte bassa del veicolo funziona come magazzino, ed è dotata di un generatore elettrico e due depositi di acqua di 500 litri, uno con acqua pulita e l’altro come deposito per l’acqua residuale. Il tutto viene coordinato da tre persone: un autista, un medico e un parrucchiere.

I veicoli donati dalla Titsa sono autobus di grosse dimensioni, di marca Iveco e carrozzeria Noge, dotati di stive ampie che si adattano alle necessità del servizio avviato dall’associazione.

Notizie canarie

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui