Strutture turistiche unite per proteggere gli esemplari di berta

0

Strutture turistiche unite per proteggere gli esemplari di berta

In solo un anno si è riusciti a coinvolgere circa 20 strutture turistiche a Tenerife e La Gomera a partecipare al progetto ODS (Objetivos de Desarrollo Sostenible – obiettivi di sviluppo sostenibile). In cosa consiste la partecipazione delle strutture alberghiere? Con questo progetto ci si propone di installare meccanismi di protezione degli uccelli, riducendo l’illuminazione esterna durante la campagna di tutela della berta maggiore e attivando protocolli che, in caso di caduta, ne consentano il recupero in modo sicuro e nel minor tempo possibile.

L’uccello marino più diffuso alle Canarie: la berta maggiore (Calonectris diomedea borealis) si riproduce nelle Isole Canarie. Vive in ambienti marini e utilizza la terra solo per riprodursi. In primavera si avvicina alle coste e nidifica nelle scogliere, nei barrancos e nelle zone collinari, ed è proprio in questo periodo che si ascolta il suo verso così caratteristico. Nel periodo da ottobre a novembre, molti pulli lasciano il nido, e durante il loro primo volo, cercano il mare. Può succedere che cadano, disorientati spesso dalle luci artificiali presenti nelle aree costiere. A questo punto, non sono in grado di riprendere il volo da soli, ed è proprio in questa fase che diventano facile preda o vittime di incidenti. Come aiutare? La berta è un eccellente indicatore dello stato dei mari e del litorale, e per questo è necessario che ognuno faccia la sua parte, per tutelare questo meraviglioso patrimonio naturale. Se riduciamo l’emissione di luci nei nuclei urbani, li aiuteremo ad arrivare al mare.

Cosa fare se si trova un esemplare. Se trovate un esemplare smarrito, chiamate il 900 282 228. Avvicinatevi lentamente e coprire capo e corpo con un asciugamano o con un indumento. Riponetelo in una scatola di cartone perforata (mai in una gabbia di metallo, perché danneggerebbe il piumaggio) e lasciatelo in un luogo tranquillo e all’ombra. Aspettate poi pazientemente che personale qualificato venga a raccoglierlo. Non dategli da mangiare o da bere, perché la loro alimentazione è diversa dalla nostra.

Video de la última campaña de protección de la pardela cenicienta. Turismo de las Islas Canarias

Notizie Tenerife

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui