Tenerife. Dettagli sul ritrovamento della piccola Olivia. Dal cellulare localizzato via satellite il punto esatto

0

Tenerife. Attraverso i segnali del cellulare esperti della Guardia Civile hanno localizzato via satellite il punto esatto in cui è stata trovata Olivia

Era come cercare un ago in un pagliaio. Soprattutto perché l’ultima conversazione (27 aprile) tra Tomás Gimeno e Beatriz Zimmermann, genitori di Olivia e Anna, è avvenuta quando lui era già in mare. Il segnale si è perso nel momento in cui il rapitore delle ragazze si sarebbe gettato in acqua (il suo corpo non è stato al momento ancora ritrovato) dopo aver sganciato l’ancora della barca e annodato alla zavorra i sacchi contenenti i loro corpi.

Triangolare le conversazioni telefoniche tra Beatriz e Tomás e il ripetitore più vicino era diventata la priorità degli agenti del Grupo de Apoyo Técnico Operativo (GATO) dell’UCO, giunti a Tenerife per collaborare con tutti gli investigatori.

Non appena l’autorità giudiziaria ha autorizzato la clonazione della scheda SIM del cellulare di Gimen, si è aperto un orizzonte inesauribile verso l’ignoto che ha cominciato a costruire i suoi pezzi al numero 23 del Camino Cruz Colorada in Igueste de Candelaria, indirizzo in cui si trova la residenza del padre di Olivia e Anna .

Le tracce trovate nelle cartelle registrate dalla carta SIM (elenco delle ultime chiamate, entrate in social network e messaggi) sono state quelle che hanno permesso di limitare il raggio d’azione di Ángeles Alvariño, una nave che è giunta quasi sul punto esatto e attivare una ricerca che sembrava impossibile.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui