Tenerife. Puerto de la Cruz “La Ranilla Arte – Cultura” ospita la mostra Fiorile

0

Si è aperta ieri 16 settembre presso “La Ranilla Arte – Cultura” la mostra Fiorile, che inaugura la seconda stagione dell’attivissima galleria d’arte di Puerto de la Cruz.

La mostra è dedicata ad un nuovo progetto artistico di Antonio Nigro, in arte ROGANI, di cui costituisce la prima parte. Pugliese di origine, fiorentino di adozione e oggi trasferito a Tenerife, Rogani è un artista “completo”, come ha spiegato nel corso dell’inaugurazione la critica d’arte Laura Carlino, titolare di EvocArte Art Gallery: dopo gli studi artistici all’Accademia d’Arte di Firenze dove si diploma nel 1987, entra nel mondo del teatro lavorando come scenografo. 

 

In oltre 30 anni di attività artistica ha lavorato come scultore e pittore per i più importanti teatri nazionali ed internazionali: Teatro dell’Opera di Roma, La Scala di Milano, Arena di Verona, Teatro Regio di Parma, Verdi di Pisa, Massimo di Palermo, Regio di Torino, Palais des Congrès, Opéra e Teatro Commedia di Parigi, Eurodisney Parigi, Teatro San Carlo Lisbona… Ha collaborato con grandi registi come Franco Zefirelli, Gigi Proietti, Luca Ronconi, Hugo de Ana, Bob Wilson e artisti internazionali del calibro di Johnny Hallyday.

Ideare e realizzare una scenografia teatrale, spaziando dalla lirica alla prosa allo spettacolo puro, implica una completezza nella visione artistica che apparenta l’artista moderno con i suoi antichi predecessori, per i quali la suddivisione oggi codificata fra le diverse arti non aveva alcun senso, così come fa crollare le barriere ideologiche fra ‘arte’ e ‘artigianato’, fra arti ‘maggiori’ e arti cosiddette ‘minori’; barriere che perdurano nella mentalità corrente, facendo smarrire la complessità, il senso e il fine profondo – spirituale – della creazione artistica in quanto tale. 

Trasferendosi a Tenerife, Rogani non ha abbandonato il teatro a cui si dedica durante i suoi frequenti rientri in Italia e in Francia; ha però riscoperto dentro di sé l’amore per la pittura di cui questa mostra è fra le prime testimonianze.

Non fiori, ma ‘dettagli di fiori’, particolari della struttura interna ed intima del fiore, solida, concreta, che il colore a tempera magistralmente padroneggiato rende etereo e spirituale. “Ogni dipinto – spiega Rogani – è un ritratto”: un soggetto che la forza evocativa del colore associa ad un dettaglio di fiore piuttosto che ad un altro. Elisa, Francesco, Roberto, Autoritratto, Nené: amici, parenti, se stesso, il suo cane.

Figure ben conosciute, affettivamente ed emotivamente significative per l’artista, che sa coglierne l’essenza cromatica che caratterizza l’aura di ogni persona, oltre che qualificare gli oggetti. Continua Rogani: “Ciò che conta veramente è la semplicità, l’approccio umile della visione artistica che riesce a penetrare oltre la materia delle cose e raggiungerne l’essenza intima e profonda.

Per concretarla basta un disegno, un pennello, o un semplice pezzo di carta stropicciata e spiegazzata”. E proprio da qui parte il secondo momento di questo progetto, come ha spiegato Domingo Lináres della galleria La Ranilla: ad ogni visitatore di Fiorile viene richiesto di realizzare un fiore con un pezzo di carta velina, scrivervi sopra il proprio nome e fissarlo su un pannello di stoffa presente nella sala; a questi “fiori di carta” personali realizzati dagli sconosciuti visitatori Rogani si ispirerà per la prossima serie di opere sempre sul tema del fiore, “così confermando – ha concluso Carlino – non solo l’assenza di linee di demarcazione fra le diverse forme di espressione artistica, ma l’essenziale, necessaria continuità fra arte ed esperienza quotidiana di vita”.

La mostra Fiorile resterà aperta fino al 30 settembre. Per info ed orari http://www.laranillaespaciocultural.com/

 

3.jpg

 

2.jpg

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui