Distanza di posizionamento dei triangoli di emergenza: un errore che può costare più di una multa

0
Man in road vest putting emergency triangle sign on the highway with broken car on the background, close-up view

Distanza di posizionamento dei triangoli di emergenza: un errore che può costare più di una multa. Secondo un rapporto realizzato dalla RACE insieme alla società BP, quasi la metà dei conducenti non sa come agire in caso di guasto sulla strada: distanza di posizionamento dei triangoli di emergenza, uso del giubbotto catarifrangente, ecc. Si tratta di un problema molto importante, dal momento che tra il 2018 e il 2019 ci sono state 28 persone travolte quando sono scese dal proprio veicolo su strade interurbane (dati della DGT). In Spagna vengono effettuati in totale 4 milioni di soccorsi stradali ogni anno, che rappresentano circa 11.000 interventi al giorno. Da qui l’importanza di attivarsi in queste situazioni utilizzando correttamente i dispositivi di emergenza.

QUANTO DEVONO ESSERE POSIZIONATI I TRIANGOLI DI EMERGENZA? Quando dobbiamo effettuare un arresto di emergenza sulla strada (incidente, guasto, ecc.), è obbligatorio contrassegnare l’area con i triangoli. La distanza di posizionamento dei triangoli di emergenza deve essere di almeno 50 metri dal veicolo, in modo che siano visibili da 100 metri. Sulle strade a senso unico è necessario posizionare solo il triangolo di emergenza posteriore. Non dimentichiamo che, prima di scendere dal veicolo per posizionare i triangoli di emergenza, dobbiamo mettere all’interno il giubbotto catarifrangente. Pertanto, deve essere sempre trasportato da qualche parte nell’abitacolo (come il vano portaoggetti) e NON nel bagagliaio.

MULTE PER NON SAPERE O NON PIAZZARE I TRIANGOLI DI EMERGENZA La sanzione per non avere i triangoli di emergenza ammonta a € 200, stesso importo per non aver il giubbotto catarifrangente. Se invece portiamo i triangoli di emergenza ma non li posizioniamo correttamente, la multa è di 80€.

Secondo lo stesso studio RACE, il 23,5% degli automobilisti ritiene che, in caso di arresto di emergenza, sia meglio rimanere all’interno del veicolo in attesa dei soccorsi. Tuttavia, secondo la nuova norma, gli occupanti devono lasciare il veicolo ogni volta che c’è un posto sicuro al di fuori della piattaforma di traffico. Nonostante la non conoscenza esatta sulla procedura da seguire, i conducenti devono essere consapevoli del pericolo rappresentato dalla mancata o errata segnalazione, legata a sosta di emergenza per guasto o incidente.

AIUTO FLASH, IL FUTURO SOSTITUTO DEI TRIANGOLI DI EMERGENZA Dallo scorso 1 luglio i triangoli possono essere sostituiti dalla nuova luce di emergenza. Questo dispositivo emette un segnale arancione per indicare una situazione di emergenza ai conducenti. Tuttavia, il suo utilizzo non sarà obbligatorio fino al 1 gennaio 2026, quando la DGT avrà sviluppato e stabilito il protocollo corrispondente.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui