I CANARI SI SONO SEMPRE VANTATI DI PAGARE IL CARBURANTE MENO DEL RESTO DEGLI SPAGNOLI.

0

I Canari si sono sempre vantati di pagare il carburante meno del resto degli spagnoli.

Ma uno studio elaborato dalla Camera di Commercio di Gran Canaria, dimostra che in questi ultimi anni, questa convinzione si è rivelata errata.

Sebbene, infatti, i prezzi esposti e praticati nelle stazioni di servizio dell’arcipelago delle Canarie siano inferiori a quelli del resto dello Stato, se si scorpora la quota che corrisponde alle imposte, il prezzo della benzina venduta nelle isole Canarie, non solo non supera quello praticato nel resto del Paese, ma risulta essere la più cara d’Europa.

Nel passato mese di dicembre, il prezzo della benzina nell’arcipelago si è situato, al netto delle imposte, in 68,61 centesimi di euro per litro, prezzo che, secondo uno studio presentato questo mercoledì, supera di un 30% i 52,80 centesimi pagati nella penisola.

Il maggior costo che sopportano i consumatori delle isole non è una novità, dato che già un precedente rapporto, elaborato nel Dicembre 2013, stabiliva questa differenza con la penisola in un 15,6%.

In quella occasione, il litro di combustibile costava nelle isole Canarie 82,18 centesimi, contro i 73 pagati nel resto del Paese.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

61 + = 63