IL MACRODECRETO – misure urgenti per la crescita, la competitività e l’efficienza

0

 

La Commissione di Economia del Congresso approverà in questa ultima settimana di agosto, il disegno di legge che prevede misure urgenti per la crescita, la competitività e l’efficienza, derivante dal MACRODECRETO presentato dal governo ai primi di luglio, dopo due sessioni parlamentari e prima della spedizione al Senato per continuare il suo percorso, con più di un migliaio di emendamenti presentati da tutti i gruppi parlamentari.

 

Ci sono proposte legate al mondo del lavoro, l’occupazione giovanile, in linea di principio, l’intenzione del governo è quella di permettere bonificazioni sui versamenti dei contributi–300 al mese per un massimo di sei mesi, per ogni giovane tra 16-25 anni, contrattato— che si potranno utilizzare massimizzandoli, oppure, come altre parti politiche propongono, che si destini parte di questi importi, a sovvenzioni salariali per nuovi contratti per praticanti o per la formazione e l’apprendimento.

{loadposition adsense-riquadro-articoli-piccolo}In relazione alle modifiche fiscali proposte ci sono la riduzione del 15% della ritenuta IRPEF per i lavoratori autonomi , 4 punti percentuali in più di quanto proposto anteriormente. Alcuni gruppi parlamentari chiedono anche che siano le banche ad assumersi l’onere di pagare le plusvalenze comunali per esentare coloro che optano per ” Dazione en Pago” (restituzione bene immobile a fronte mancato pagamento ipoteca) e sempre in tema di banche, si tratteranno temi distaccati, come le commissioni previste per l’uso della carta di credito bancaria, la flessibilità sulle condizioni di restituzione dei crediti dei piani di rimborso, la protezione e tutela dei lavoratori diversamente abili, e la previsione inoltre di triplicare fino a 3.600 milioni di euro gli avalli ICO per almeno tre anni.

Nel macrodecreto sono raccolti anche alcuni cambiamenti relativi al regime del Registro Civile, del quale si faranno carico i Registri Commerciali attraverso il sistema informatico unico che dovrebbe essere operativo entro il 15 luglio del prossimo anno.

In ogni caso, è unanime la richiesta di una riforma globale e approfondita del sistema fiscale e la approvazione di misure efficaci per combattere la evasione fiscale.

Avvocato Civita Masone

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

72 + = 76