Per informarsi di come informare

0

ViviTenerife: Ho ricevuto molte richieste da parte dei lettori del giornale perché spieghi meglio come funziona il modello 720.

Giovanni Comoli: Volentieri! Cominciamo a dire che è una dichiarazione informativa.

VT: Chi la deve fare?

GC: Tutte le persone residenti in Spagna che al 31 Dicembre dell’anno precedente posseggono dei beni fuori dal territorio spagnolo.

{loadposition adsense_articoli}VT: Per beni intende proprietà immobiliari o investimenti finanziari?

GC: Anche se il modello 720 è uno solo riepilogativo di tutti i beni posseduti che il fisco spagnolo considera
necessario dichiarare, questi si dividono in tre gruppi: le proprietà immobiliari, i conti correnti e un terzo
gruppo che comprende titoli, valori, assicurazioni vita e fondi d’investimento.

VT: La dichiarazione si fa per qualsiasi importo?

GC: No! Per ogni gruppo bisogna possedere fuori da Spagna un capitale minimo di € 50.000,00. Per le proprietà immobiliari si fa la valutazione in base al costo storico d’acquisto o di eredità, mentre per i prodotti finanziari i valori indicati sui prospetti informativi che banche e assicurazioni devono inviare ai loro clienti. 

VT: Se il minimo è di € 50.000,00 immagino che non si presenterá la dichiarazione nel caso di conti o proprietà cointestate se la quota posseduta non arriva a questa cifra!

GC: Questo è uno dei punti più difficili da capire. Il fisco spagnolo vuole conoscere la capacità di muovere
liquidi di tutti gli abitanti nel suo territorio. Pertanto non solo si dichiarano i beni cointestati, ma, addirittura, si dichiarano i conti correnti di terzi in cui risultiamo essere autorizzati alla firma.

VT: Per chiarirlo meglio, ci può fare un esempio?

GC: Certo! Un residente che possiede il 33% di una casa in Italia comprata o ereditata a € 100.000,00 non arriva a possedere il minimo sopra indicato. Dovrà comunque presentare la dichiarazione informando che di una casa di € 100.000,00 possiede il 33%. Per i conti correnti, invece, capita spesso che i figli residenti in Spagna abbiano la firma su quello dei genitori in Italia. Se il conto corrente supera gli € 50.000,00 occorre dichiararlo specificando di essere solo autorizzati alla firma.

VT: Quando e come si presenta?

GC: Si può presentare solo ed esclusivamente in via telematica. Pertanto il contribuente dovrà dotarsi di
firma elettronica e fare la presentazione fra il 
1 Gennaio e il 31 Marzo.

VT: Si presenta tutti gli anni?

GC: No, solo una prima volta quando si prende la residenza in Spagna e in futuro solo se si verifica una variazione in uno o più dei gruppi sopra descritti per un importo minimo di € 20.000,00.

VT: I nuovi residenti quando devono presentarlo?

GC: Nei primi tre mesi successivi all’anno che hanno preso la residenza. I nuovi arrivati devono fare
molta attenzione a questo obbligo fiscale. Se intendono dichiarare che sono residenti in 
Spagna dal 2015 (cioè hanno ottenuto il cosiddetto NIE verde prima del 1 Luglio 2015), devono presentare il modello 720 nei primi tre mesi del 2016 elencando i beni posseduti fuori da questo Stato al 31 Dicembre 2015. Se presentano la dichiarazione nel 2017, il sistema informatico, verifica un NIE verde del 2015 e inizia un procedimento automatico di accertamento fiscale. Il contribuente si libera dalle sanzioni solo se riesce a dimostrare che,
nonostante avesse richiesto il NIE verde, nel 
2015 era ancora residente in Italia.

VT: I residenti da anni in Spagna che non l’hanno mai presentato, come fanno a regolarizzarsi?

GC: Novembre del 2012 venne approvata questa Legge che obbligava i residenti in Spagna a presentare questo modello informativo nei primi mesi del 2013. Chi non l’ha fatto allora e si volesse regolarizzare, si troverà quasi sicuramente sottoposto ad accertamento fiscale per ritardata presentazione.

La sanzione è di € 1.500,00 per ogni gruppo di beni non presentati a cui, però, si posso aggiungere fastidiosi accertamenti fiscali in cui dovere dimostrare la regolare provenienza dei beni dichiarati.

VT: Qual è, secondo lei, il vero motivo che sta dietro a questa dichiarazione?

GC: Vede, la Spagna ha una fiscalità similare a quella italiana, ma molto più equilibrata nel colpire i
redditi. In 
Italia, ad esempio, si tassano molto i redditi da lavoro ma si esentano quasi tutti redditi derivati dalle modificazioni patrimoniali. In Spagna, invece, la fiscalità opera in modo inverso. È ovvio che per potere tassare correttamente le modificazioni patrimoniali dei suoi contribuenti, questo Paese voglia conoscerne la loro composizione.

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

21 − = 19