Pensioni: Le novità della legge di bilancio in tema previdenziale

0

Di seguito informiamo brevemente sulle novità della legge di bilancio in tema previdenziale, raccomandando i nostri lettori di mettersi in contatto con noi per ottenere maggiori informazioni o approfondimenti sulle notizie sotto riportate, che hanno carattere meramente informativo e generale.

REGIME SPERIMENTALE DONNA

É un beneficio che consente alle lavoratrici di ottenere la pensione di anzianitá a condizioni agevolate, sempre e quando abbiano maturato i requisiti nel periodo dal 1º gennaio 2008 al 31 dicembre 2015.

I requisiti per potervi accedere sono:

  • Anzianitá contributiva di almeno 35 anni entro il 31/12/2015, di cui 18 anni entro il 31/12/1995

  • Etá anagrafica di 57 anni se dipendenti, 58 se autonome, entro il 31/12/2015

La pensione verrá liquidata interamente con il calcolo contributivo e con una decorrenza di 12 mesi (per le lavoratici dipendenti) o di 18 mesi (per le lavoratrici autonome), dalla data di maturazione dei requisiti.

QUATTORDICESIMA

É una somma aggiuntiva che l’INPS corrisponde ai pensionati con un’etá di almeno 64 anni e un reddito complessivo – per l’anno 2016 – fino a 13.049,14 euro.

La novitá per il 2017 é che l’INPS ha esteso il diritto alla somma aggiuntiva a coloro che nel 2016 hanno avuto un reddito complessivo compreso tra 9.786,86 euro (1,5 volte il trattamento minimo) e 13.049,14 (2 volte il trattamento minimo).

Coloro che nel 2016 hanno avuto un reddito complessivo inferiore a 9.786,86 euro, riceveranno un incremento nella somma aggiuntiva, incremento che varia a seconda degli anni di contribuzione versata.

{loadposition adsense_articoli}

BENEFICIO PER LAVORATORI PRECOCI

I lavoratori che hanno iniziato a versare contributi prima del compimento dei 19 anni per almeno un anno di contribuzione, hanno la possibilitá di accedere alla pensione anticipata con 41 anni di contribuzione dal mese di maggio 2017.

Per poter usufruire di tale beneficio é necessario possedere delle condizioni lavorative specifiche in Italia, che spiegheremo a chi considera di poter godere di questo beneficio (e che pertanto abbia lavorato almeno un anno prima del compimento dei 19 anni e di avere 41 anni di contributi lavorativi).

APE VOLONTARIA

Si tratta di un prestito erogato da una banca (sono ancora da definire le banche che stipuleranno l’accordo con l’Inps), in vigore dal 1º maggio 2017 e soggetto ai seguenti requisiti:

  • Avere almeno 63 anni di etá e 20 anni di contributi

  • Maturare il diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi

  • L’importo della futura pensione dovrá essere pari o superiore a 1,4 volte il trattamento minimo

  • Non essere titolare di pensione diretta o assegno di invaliditá.

Il prestito ottenuto dovrá essere restituito alla banca erogatrice in 20 anni mediante una trattenuta mensile effettuata dall’INPS. Dovrá inoltre essere coperto da una polizza assicurativa in caso di decesso dell’interessato prima dell’intera restituzione del debito.

APE SOCIALE

É una indennitá assistenziale a carico dello stato italiano, in vigore dal 1º maggio 2017, con la finalitá di agevolare la transizione verso il pensionamento per soggetti svantaggiati e che possiedano i seguenti requisiti:

  • Avere almeno 63 anni di etá e 30 anni di contributi

  • Maturare il diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi

  • Non essere titolari di nessuna pensione diretta

Per poter usufruire di tale indennitá é necessario possedere delle condizioni lavorative specifiche in Italia, che spiegheremo a chi considera di poter godere di questo beneficio.

Per maggiori informazioni, studio di casi e approfondimenti vi preghiamo di mettervi in contatto con il nostro patronato: 933.046.885 ital.barcellona@gmail.com

Elettra Cappon

ital.uil.jpg

Visita il nostro Magazine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

8 + 1 =