Italiani in Spagna: comunità e istituzioni a confronto

0
383

Italiani in Spagna: comunità e istituzioni a confronto

Si è svolto lo scorso 16 marzo, presso il Palazzo sede del “Gabinete Literario” di Las Palmas de Gran Canaria, un dibattito che ha visto presenti tutti gli attori della comunità italiana in Spagna: cittadini, Comites, rappresentanti della rete consolare e l’Ambasciatore Stefano Sannino.

Importante sottolineare che da qualche anno le riunioni del coordinamento consolare non si svolgono più a Madrid ma nelle varie regioni della Spagna, perché la comunità italiana in questo paese ha raggiunto numeri importanti, è presente in tutto il territorio e necessita di un’attenzione più radicata e legata alle problematiche del territorio. Presenti alla riunione anche parlamentari eletti all’estero ed esattamente il senatore di Forza Italia, Raffaele Fantetti, i deputati Angela Schirò e Massimo Ungaro, del Partito Democratico, Elisa Siragusa, del Movimento 5 Stelle e Simone Billi, della Lega.

I rappresentanti parlamentari, prima dell’inizio del dibattito, sono intervenuti sulla necessità di rafforzare la rete consolare, perché si sta assistendo ad una vera e propria “esplosione del fenomeno migratorio italiano”, che mette a dura prova le capacità della stessa rete. Si rende quindi necessario “fare squadra” in Parlamento, soprattutto di fronte ai tentativi che vogliono ridurre la rappresentanza degli italiani all’estero, i cui interessi vanno difesi, anche se non sempre risulta semplice, perché la comunità di italiani è “eterogenea e complessa”, e attualmente, secondo le cifre ufficiali, conta oltre 5 milioni di italiani residenti all’estero.

Una volta concluso l’intervento dei deputati, è iniziato il dibattito moderato dall’ambasciatore Sannino.

Con un fenomeno d’emigrazione, non solo in crescita, ma con parametri diversi, e con nuovi concetti di “mobilità”, è chiara a tutti la necessità di migliorare l’operatività dei Consolati Onorari, per garantire migliori servizi.

Il fenomeno dell’emigrazione riguarda infatti il 10% della popolazione, una percentuale che non può non riscontrare problemi strutturali nei servizi di assistenza consolare. Paradossalmente, in un momento sociale e storico in cui l’assistenza agli italiani all’estero andrebbe rafforzata, i fondi relativi hanno subito un taglio significativo, che non può che avere conseguenze sul funzionamento della rete, sugli organi di rappresentanza e, non ultimo, sulla diffusione della nostra cultura. Un triste fenomeno che a ragione è stato menzionato nel dibattito, è quello dei cosiddetti “traghettatori del web”, ovvero quelle persone, o sedicenti agenzie che lucrano sulle speranze degli italiani, convincendoli ad andare in Spagna, in cerca di facili soluzioni di lavoro, per poi abbandonarli, se non addirittura truffarli. Non di minore importanza il tema trattato alla fine del dibattito, che riguarda le modalità del voto all’estero, soprattutto in vista delle prossime elezioni europee.

Sannino ha confermato che per il voto europeo verranno allestiti seggi in Spagna e i connazionali non dovranno quindi votare per corrispondenza. Alle Europee, come conferma Ungaro, sarà possibile votare anche per i candidati locali, e quindi per quelli spagnoli. Si è parlato anche di brogli elettorali, con l’unanime intenzione di migliorare il sistema di voto.

Il sistema di voto va rivisto e riformato, soprattutto pensando al gap generazionale tra i giovani, che hanno dimestichezza con il voto elettronico, ma non votano, e le generazioni più grandi, che sì, votano, ma non sono ferrate nell’uso delle nuove tecnologie.

Hanno partecipato Senatori Laura Garavini e Raffaele Fantetti, Onorevoli Simone Billi, Elisa Siragusa, Angela Schiro’, e Massimo Ungaro. Ambasciatore Stefano Sannino, Ministro Consigliere Roberto Frangione, Console Generale a Barcellona Gaia Danese, Consigliere per l’Emigrazione Luis Cavalieri, Capo della Cancelleria Consolare di Madrid, Dott.ssa Cristiana Cuneo, Presidenti dei COMITES di Madrid e Barcellona, Dott. Pietro Mariani e Dott. Alessandro Zehentner, Vice Presidente e Segretario del COMITES di Madrid, Andrea Lazzari e Giovanni Simone, membro del CGIE Spagna e Portogallo, Giuseppe Stabile, 6 Consoli Onorari ( José Carlos De Blasio, Gran Canaria, Silvio Pelizzolo, Tenerife, Marcello Memoli, Malaga, Luciana Schiavarelli, Pamplona, Lanfranco Fabbro, per conto di Monica Lacalamita, Ibiza, Francesco Milani, La Coruña).

La direzione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

72 − = 69