Il Cabildo de Tenerife e Google accordo per potenziare la connettività nelle telecomunicazioni tra Africa ed Europa

0
283

Il Cabildo de Tenerife e Google firmano un accordo per potenziare la connettività nelle telecomunicazioni tra Africa ed Europa

Il Cabildo de Tenerife, tramite l’ente Canalink, e Google hanno firmato un accordo lo scorso mese, per cui l’istituzione insulare parteciperà al progetto di sviluppo di un cavo sottomarino di telecomunicazione che la compagnia promuove tra Lisbona e il Sudafrica, un progetto che vale 600 milioni di Dollari.

La firma apre le porte alla possibilità per Google di creare una rete a Tenerife attraverso il datacenter dell’ITER e lavorare da lì garantendo una maggiore velocità e traffico di dati, per aumentare l’attrattività dell’isola per quanto riguarda le installazioni di società che operano con l’Africa.

Alla firma dell’accordo erano presenti il Presidente del Cabildo, Carlos Alonso, il responsabile dello sviluppo della rete di cavi sottomarini di Google per il Sud Europa e Africa, Chris George, il direttore dell’ITER, Manuel Cendagorta e l’assessore delegato di Canalink, José Manuel Cendagorta. Il progetto, che verrà realizzato in due o tre anni, e al quale parteciperà il Cabildo assieme a soci africani, apre i contatti con 5 paesi, e prevede che il nuovo cavo sottomarino abbia una connessione con Tenerife.

Si tratta di un cavo molto potente, ad alta capacità, e Tenerife, delle otto fibre, disporrebbe di due per uso proprio e dei soci africani che si ha intenzione di acquisire, come confermato dal Direttore dell’ITER, ribadendo inoltre che questo accordo colloca Tenerife nella mappa delle telecomunicazioni. Chris George ha confermato che per Google si tratta di una buona opportunità, poter connettersi con Tenerife, perché questo implicherà un miglioramento dei servizi sull’isola e in Africa, dove si sta completando la rete terrestre, un continente con grande potenziale nel futuro.

Alonso ha confermato che l’accordo è importante, perché continua con il lavoro realizzato dal Cabildo per migliorare la connettività e poter dare servizi ad imprese che operano con l’Africa, con un datacenter più attrattivo, e facilitando un abbassamento dei costi per le imprese.

Tenerife rappresenta una location molto attrattiva per le interconnessioni e per i servizi TIC. Parole simili ha usato José Manuel Cendagorta, che ha indicato che l’obiettivo è promuovere una connettività rapida e a buon prezzo, che consenta alle imprese di lavorare con strumenti e opportunità pari a Madrid o Parigi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

+ 53 = 58